Fumo denso e nero ieri mattina nell'area industriale di Ferentino. Residenti, lavoratori e automobilisti di passaggio lungo le vie Consortile, Asse Attrezzato, Morolense, superstrada Ferentino-Sora e strade circostanti, hanno notato la lunga colonna di fumo scuro che si levava verso il cielo e al tempo stesso si avvertiva una puzza acre in tutta la zona. Il capannone interessato dal rogo sulla copertura, è quello allineato fra tanti altri ai margini della via Consortile Asi 7, il quale ospita nella parte antistante la società Partesa, mentre nel versante retrostante, ovvero nel lato incendio, sono alloggiati gli uffici amministrativi di un'altra società, la Lavorgna. Dopo che il centralino dei vigili del fuoco del comando provinciale ha ricevutola la chiamata d'intervento, poco dopo le 11, ha fatto convergere subito alcune autobotti sul posto.

I vigili si sono dati da fare per alcune ore per debellare le fiamme, oltre al fumo, che hanno interessato parte del tetto, avvolgendo ben presto dei pannelli isolanti e anche i pannelli fotovoltaici dal cui impianto potrebbe essersi sprigionato il fuoco. Non sono note le cause effettive che hanno fatto si che si sviluppassero le fiamme in cima al capannone industriale.

L'area è stata transennata, per fortuna nessun danno alle persone, al contrario danneggiata naturalmente la copertura dello stabile. L'incendio è al vaglio dei carabinieri del comando stazione di Ferentino. Difatti, oltre ai pompieri sono intervenuti anche i militari del maresciallo Raffaele Alborino, comandante di stazione, sulla via Consortile ieri mattina per rilevare quanto stava accadendo. Di conseguenza sul fatto indagano gli stessi uomini dell'Arma, è tuttavia possibile l'accidentalità dell'evento. Di questi tempi, come ogni anno tra l'altro, è alta la guardia verso gli incendi di qualsiasi natura, complici anche le alte temperature.