Continuano costantemente i servizi predisposti dalla Compagnia di Cassino, finalizzati alla prevenzione e repressione dei reati in genere in tutto il territorio della giurisdizione. Nella scorsa notte, nel corso di appositi servizi incrementati per prevenire i reati in genere, i militari della suddetta Compagnia e delle Stazioni di Piedimonte San Germano, Picinisco e Sant'Apollinare hanno ottenuto i seguenti risultati

a Cassino:
- traevano in arresto nella flagranza del reato di "evasione" e proponevano alla Questura di Frosinone per il foglio di via obbligatorio dal comune di Cassino, un 29enne di Pignataro Interamna (già censito per maltrattamenti in famiglia, violenza privata, ricettazione, estorsione, furto, evasione, rapina, spaccio di sostanze stupefacenti), sottoposto agli arresti domiciliari, mentre denunciavano in stato di libertà un 21enne cassinate, per il reato di "favoreggiamento personale".

L'arrestato, il quale durante un servizio di osservazione veniva intercettato dai militari operanti all'interno di un bar del centro, dove si concentra la movida notturna del fine settimana, al fine di eludere il controllo si dirigeva frettolosamente presso il parcheggio antistante la piazza Labriola, dove veniva prelevato da un'autovettura utilitaria condotta dal 21enne, con cui si davano alla fuga. I predetti, dopo un breve inseguimento, venivano raggiunti e bloccati. Al termine delle formalità di rito, l'arrestato su disposizione dell'Autorità giudiziaria veniva tradotto presso la propria residenza e sottoposto nuovamente agli arresti domiciliari.

Inoltre, il 21enne che poco prima era già stato fermato e controllato dai militari operanti, veniva anche segnalato alla Prefettura di Frosinone per detenzione di sostanze stupefacenti per uso personale; infatti, lo stesso, a seguito di perquisizione personale e veicolare, veniva trovato in possesso di grammi 0,29 di sostanza stupefacente del tipo "hashish", sottoposta a sequestro;

- denunciavano in stato di libertà un 28enne brasiliano (già censito per reati di oltraggio, violenza e percosse a Pubblico Ufficiale) per il reato di "atti osceni in luogo pubblico". Il giovane veniva sorpreso sul balcone della propria abitazione con le parti intime scoperte che mostrava ai passanti, tra cui vi erano anche minori; 

- proponevano per la misura di prevenzione del rimpatrio con Foglio di via obbligatorio, con divieto di ritorno nel comune di Cassino un 22enne (già censito per truffa) ed un 21enne (già censito per reati contro il patrimonio, la persona e in materia di spaccio di stupefacenti e già sottoposto all'avviso orale e ad un rimpatrio con Foglio di via obbligatorio dal Comune di Piedimonte San Germano) entrambi del cassinate, in quanto venivano controllati ed identificati mentre viaggiavano a bordo di un'autovettura sportiva a velocità sostenuta e con fare sospetto nelle vie del centro di Cassino, anche nei pressi di obiettivi sensibili.

A Picinisco:
- denunciavano in stato di libertà un 35enne cassinate (già censito per false dichiarazioni sull'identità personale, porto di armi ed oggetti atti ad offendere e spaccio di sostanze stupefacenti) per i reati di false dichiarazioni a Pubblico ufficiale e guida di autoveicolo con patente sospesa o revocata. I militari operanti, lo scorso mese di maggio contestavano al suddetto l'articolo 180 del Codice della Strada, in quanto durante la conduzione di un autoveicolo il predetto non era munito di patente di guida, intimandogli di esibire il documento entro 30 giorni presso un ufficio di Polizia, avendone egli dichiarato la dimenticanza. Gli ulteriori accertamenti condotti dai carabinieri, permettevano invece di accertare che il 35enne, oltre a non aver ottemperato all'esibizione, era gravato da un provvedimento di sospensione della patente emesso dalla Motorizzazione Civile di Frosinone in data antecedente a quella della contestazione.   

A Sant'Apollinare:
- proponevano per l'irrogazione della misura di prevenzione del Foglio di via obbligatorio un 22enne domiciliato in provincia di Caserta (già censito per furto aggravato, resistenza a Pubblico ufficiale, minaccia, truffa ed estorsione), poiché veniva intercettato mentre si aggirava in atteggiamento sospetto nei pressi di obiettivi sensibili del suddetto centro.

Nel corso dell'attività, inoltre, sono stati svolti:
- 25 controlli a persone;
- 11 controlli ad autovetture;
- 3 contravvenzioni al Codice della Strada;
- 5 perquisizioni personali, veicolari e locali;
- 8 controlli a persone di interesse operativo;
- 3 controlli a persone ad arresti domiciliari e/o misure di prevenzione;