Li stanno usando circa 700 Comuni italiani, hanno un comprovato effetto deterrente sulla velocità. Perché gli "Speed Check" spuntati sulla statale 699 Frosinone-Mare appena riaperta sono delle colonnine colorate che potrebbero contenere al loro interno un rilevatore di velocità mobile, ma non è detto che lo contengano veramente. Sono un deterrente, insomma, Polizia stradale e Prefettura, in accordo con Anas, li hanno previsti. L'estate la Frosinone-Mare non è nota solo per essere il collegamento più facile tra entroterra e litorale. Ha anche la triste nomea di strada ad alta incidentalità.

Lo "Speed Check" è stato posizionato sull'unico tratto della superstrada con limite a 50 km/h, imposto per i "saltelli" delle giunture dei ponti. La contestazione, tuttavia, deve essere immediata e per essere operativo l'autovelox all'interno della scatola deve essere annunciato con un cartello preventivo di controllo elettronico della velocità. Necessaria anche la presenza di un agente nei dintorni, per la contestazione della sanzione. La presenza del nuovo "Speed Check" ha suscitato subito diverse reazioni tra gli automobilisti, esternate sui social network. 

Alle battute finali i lavori di adeguamento del tratto di statale 699 per la riapertura alle automobili e ai mezzi leggeri decisa da Anas e dalla prefettura per il periodo estivo.
Ancora non ci sono comunicazioni ufficiali, ma da informazioni attendibili sono conclusi gli interventi di organizzazione del flusso veicolare, attraverso semafori, segnaletica orizzontale e verticale. La strada riaprirà dunque a partire da questa mattina, alle 11 ma solo per i veicoli leggeri, al di sotto delle 7,5 tonnellate. Via dunque le transenne che si trovano sull'Appia direzione Roma, all'altezza di via Morelle, e quelle all'uscita del Frasso.

La riapertura, prevista in via provvisoria e sperimentale per il solo periodo estivo per evitare ulteriori disagi all'intenso flusso che si crea tra il litorale e la Ciociaria, era prevista in realtà lo scorso 6 luglio, come deciso settimane addietro a seguito di vertici tra Polizia stradale, prefettura e Anas. Poi il rinvio, per ultimare gli interventi, con una proroga dell'ordinanza fino al 13 luglio.
Ma l'intenzione era comunque quella di aprire appena possibile. Ieri in tarda serata, l'informazione che già oggi alle 11, la strada riaprirà. Ieri gli ultimi aggiustamenti, con le prove di carico con i mezzi, e infine l'apertura.

Fino a ieri e ormai da sette mesi, il traffico è stato dirottato sulle Migliare. La Migliara 55, in particolare, ogni giorno viene presa d'assalto, con un incremento incredibile durante i weekend, nei quali si creano lunghe code. Se tutto andrà bene, l'estate sarà dunque meno disagevole per i tanti automobilisti. A settembre la strada tornerà ad essere interdetta, per riprendere i lavori al viadotto.

di: La Redazione