Gravissime le condizioni della bambina di 3 anni coinvolta nel tragico schianto registrato questa mattina poco dopo mezzogiorno sulla Cassino Sora, in territorio di Sant'Elia. Come trapelato da alcune indiscrezioni mediche, sembrerebbe che la piccola stia lottando con tutte le sue forze tra la vita e la morte, e sarebbe in stato di coma. Purtroppo per la mamma, Serena Pezzella di 38 anni originaria di Pontecorvo ma residente a Formia, non c'è stato nulla da fare: la donna è morta praticamente sul colpo. Dura, invece, la lotta ingaggiata dai sanitari del 118 e dai vigili del fuoco per provare a dare una chance alla bambina di soli 3 anni che era in auto con la mamma. Immediatamente valutata come grave, è stata trasferita dal Santa scolastica all'ospedale Bambin Gesù di Roma dove resta in gravissime condizioni. Tre le comunità in attesa e in preghiera: quella di Pontecorvo, dove è nata la sua mamma, quella di Formia dove la donna abitava. Ma anche la comunità di Atina, dove Serena aveva dei parenti ed era molto conosciuta.

Tante le comunità sconvolte per la morte della giovane mamma sulla Cassino-Sora. Quella di Pontecorvo, dove ha le sue origini e risiedono i suoi affetti, al pari di Pico dove pure ha parecchi parenti, e quella di Formia, dove aveva la residenza. Lei, Serena Pezzella, di 38 anni (questa l'età precisa), non ce l'ha fatta. E' morta sul colpo in un tragico incidente che ha visto coinvolto anche un tir, finendo la sua corsa contro un guardrail.

Gravi le condizioni della sua piccola, tre anni, appena elitrasportata a Roma al "Bambin Gesù". Tremende le condizioni dell'auto, praticamente disintegrata nell'urto. Sconvolti tutti: la città di Cassino per la tremenda notizia arrivata dalla "superstrada maledetta" che ha coinvolto una mamma come tante, e tutte le comunità d'appartenenza dove i familiari sono sconvolti, distrutti da una tragedia che ha segnato questa giornata. E che non dà pace a nessuno. Ora il pensiero di tutti è rivolto alla sua creatura che lotta per restare aggrappata alla vita.

di: Katia Valente
di: Carmela Di Domenico

Si è sollevato poco fa dal piazzale del Santa Scolastica di Cassino l'elicottero che ha trasportato la piccola coinvolta nello schianto sulla Cassino-Sora al "Bambin Gesù" di Roma. 

Momenti di apprensione per la bambina di soli tre anni che sta lottando tra la vita e la morte. A non farcela, invece, è stata la giovane madre, S.P, 36 anni, una donna originaria di Pontecorvo ma residente a Formia. Ancora non chiara la dinamica dell'incidente avvenuto intorno alle 12 sulla strada maledetta, che già conta a pochi metri dall'impatto altre due vittime. Saranno gli uomini del capitano Mastromanno a ricostruire nel dettaglio l'impatto tra la Lancia su cui viaggiavano mamma e bambino e un autoarticolato.

di: Carmela Di Domenico

Una Ypsilon nera contro il Guardrail. Una donna morta sul colpo. Giovane mamma in viaggio sulla Cassino-Sora con la sua creatura. La tragedia si è consumata poco fa. Per la donna non c'è stato nulla da fare mentre si è tentato il tutto per tutto per la bambina in auto con lei. La piccola, all'incirca tre anni (ma i dettagli sono ancora in fase di ricostruzione) è stata estratta dalle lamiere e portata a sirene spiegate nel vicino Santa Scolastica. Traffico in tilt e superstrada paralizzata. L'auto è distrutta mentre a terra ci sono i peluche della piccola. Sul posto vigili del fuoco e carabinieri della compagnia di Cassino

di: La Redazione

Drammatico schianto pochi istanti fa sulla Cassino-Sora. Un incidente appena successo, ha visto coinvolti un'auto ed un camion. I soccorsi sono appena giunti sul posto, all'altezza di Sant'Elia vicino al distributore di benzina. Non è escluso, purtroppo che la situazione possa essere grave. Secondo le primissime informazioni trapelate, infatti, una giovane mamma avrebbe perso la vita. Ed i soccorritori in questi istanti starebbero cercando di rianimare la bambina. L'auto sulla quale viaggiavano la mamma e la bambina, una Lancia Y nera, è stata completamente tranciata in due. Sul posto anche  i carabinieri della compagnia di Cassino.

di: La Redazione