Di nuovo ko gli autovelox sistemati sulla superstrada Ferentino-Sora dal comune di Ferentino, sul tratto stradale di propria competenza. Ieri uno degli apparecchi non ancora entrati in funzione e in fase di assemblaggio, posizionato sulla corsia in direzione Sora, era smantellato.
Molto probabilmente vandali o saccheggiatori lo hanno fatto saltare servendosi forse di un potente petardo, considerando che i frammenti di gomma e plastica disseminati sull'asfalto erano a qualche decina di metri dal rilevatore di velocità. Inoltre lo sportello era aperto, con fili e guarnizioni penzolanti e non ci sono più le telecamere in cima al palo adiacente, evidentemente portate via dai delinquenti. Gente senza scrupoli, che dimostra particolare sfrontatezza e come se avesse dichiarato guerra alle istituzioni.

I precedenti
Infatti non è la prima volta che quell'autovelox finisce nel mirino dei vandali. Sarebbe addirittura la terza volta che l'apparecchiatura diventa bersaglio di chi evidentemente attraverso simili gesti vorrebbero dimostrare la propria avversità agli autovelox. È presumibile che tali azioni siano al vaglio della polizia locale e forse anche dei carabinieri, stante la gravità degli episodi delinquenziali. Già a fine 2015 le nuove strutture vennero danneggiate e sottratti alcuni componenti costosi: leggasi i pannelli fotovoltaici e le telecamere. Di conseguenza non sono mai entrati in funzione gli autovelox sulla strada regionale 214, sempre particolarmente temuti da gran parte degli automobilisti.
Anche una decina di giorni fa i rilevatori avrebbero subito l'attacco dei devastatori. In quest'ultimo caso però (non è dato di sapere se accaduto ieri notte o nelle notti precedenti) hanno colpito più duramente, come accennato in apertura, servendosi molto probabilmente di uno o più petardi o comunque di qualcosa esplodente, in considerazione dei danni riportati dall'apparecchiatura.
Certamente dopo tutto quanto si è verificato, il comune ora adotterà un sistema più sicuro, magari blindando gli autovelox a prova di bomba e, forse chissà, installando delle foto-trappola, essendo quel punto stradale buio e isolato.