Sulla mancata partenza del Registro dei Tumori in provincia interviene a gamba tesa il consigliere comunale Carmine Di Mambro: « Continuano a prendere in giro i cittadini, in particolar modo tutte quelle famiglie che hanno a che fare con patologie oncologiche. Il registro dei tumori nonostante sia stato anche finanziato in provincia di Frosinone ancora non è stato messo a regime. È inconcepibile. Invito tutti i consiglieri comunali eletti sul territorio della provincia di Frosinone a chiedere dei chiarimenti. Magari presentando anche una interrogazione congiunta al presidente Zingaretti per capire quanto tempo occorrerà ancora per far partire la struttura sanitaria necessaria per rendere operativo il registro dei tumori.

Non c'è tempo da perdere, i tumori sono la prima causa di morte nella nostra terra. E la gente continua ad ammalarsi giorno dopo giorno.
Dobbiamo capire il perché, quali sono le cause ambientali che permettono il proliferare delle neoplasie, ma soprattutto quali siano le azioni che possiamo intraprendere per cambiare questo stato di cose. Senza registro tumori non potremmo mai sapere niente di tutto ciò e non potremmo mai adottare scientificamente delle misure idonee per tutelare la nostra salute e quella dei nostri figli».

Quella del Registro dei Tumori è stata una lunga battaglia potata avanti con determinazione e passione dal consigliere Di Mambro. Oltre ad essere motivato per il bene della comunità, anche l'esperienza personale lo ha sostenuto nel percorso e nell'iter. Ora, a un passo dalla realizzazione del Registro, l'attesa è insostenibile, soprattutto per tutte quelle persone che con la malattia combattono quotidianamente e per le quali ogni giorno vissuto è un dono.