Ladri scatenati l'altra notte tra le zone di Basciano e di Sant'Emidio. Due le villette finite nel mirino dei ladri a distanza di poche centinaia di metri l'una dall'altra. Danni ingenti e refurtiva che, da una prima stima, ammonterebbe a diverse migliaia di euro tra oro, gioielli e contanti. Una serata molto movimentata quella di sabato in via Piccola Nord a Basciano e in via Le Grotte a Sant'Emidio. Secondo la ricostruzione dei residenti, che hanno lanciato l'allarme avvertendo i carabinieri della Compagnia di Alatri guidati dal maggiore Argirò, la banda di ladri ha prima colpito a Basciano mentre il proprietario della villetta, un imprenditore, era assente per motivi di lavoro.

I malviventi, probabilmente esperti e ben organizzati, hanno prima rotto una finestra e subito disattivato il sistema d'allarme entrando indisturbati e portando via oro e gioielli di famiglia. Non soddisfatti, si sono spostati a Sant'Emidio e con lo stesso metodo sono entrati all'interno della seconda villa mettendo a soqquadro tutta la casa, rovesciando sul pavimento tutti i cassetti, portando via denaro contante, oro, gioielli e oggetti di valore per un valore di alcune migliaia di euro.
La pista più seguita dai militari del maggiore Argirò è quella di una banda giunta da fuori città e specializzata in colpi nelle abitazione.

Non si esclude tuttavia la possibile presenza di un basista locale. Proprio sulla possibile collaborazione di un basista del posto con la banda di ladri si concentrano le prime indagini dei carabinieri. I malviventi avrebbero infatti colpito a botta sicura, evidentemente bene informati, sapendo dunque che i proprietari delle due villette sabato sera non erano in casa.