I nuovi habituè della villa comunale sono i topi. Se ne aggirano a decine liberi e tranquilli, sfrecciano tra le gambe delle persone sedute sulle panchine e in mezzo ai prati in cui giocano i bambini. Un fenomeno che è sempre esistito ma che negli ultimi anni si è intensificato fino a raggiungere un livello abbastanza preoccupante e fastidioso. «Quelli che girano qua dentro ha detto Federica una mamma che al parco cittadino trascorre molti pomeriggi non sono esemplari normali, sono enormi, quasi come dei gatti. Infatti i mici qua dentro non si vedono e i topi si, alcuni cani scappano alla vista dei roditori.
Come si può sottovalutare una situazione così grave? Alla villa ci sono tantissimi che giocano e cadono spesso sull'erba.
Potrebbero entrare in contatto con sporcizia o escrementi e urina di ratto, rischiando di contrarre anche gravi malattie.
Ci serve una derattizzazione o qualche intervento mirato. Ogni cosa che dovrebbe essere naturale, diventa invece oggetto di polemica e di richiesta eccezionale».

Purtroppo la villa comunale è da anni nel mirino di dure critiche, uno dei luoghi più belli della città, un vero polmone verde nel quale scorrono ruscelli e ci sono sorgenti di acqua, alberi e giochi per i più piccoli e sculture realizzate da numerosi artisti. Poco meno di una decina di giorni fa un albero si è letteralmente spaccato in due abbattendosi sul prato che ospita i giochetti, sfiorando i bambini e un uomo che stava facendo jogging. Un episodio che ha lasciato tutti i presenti senza parole.
Per l'area èstato predisposto un bando di riqualificazione. Ma in attesa del vincitore e dell'affidamento dei lavori i topi continuano a sfrecciare da un prato all'altro e a tenere compagnia a bimbi e famiglie.