Un inseguimento degno dei migliori film d'azione quello avvenuto nella notte sulla Casilina, nel territorio di Ripi.
Sono da poco passate le due quando gli agenti della squadra volante della questura del capoluogo intercettano un furgone sospetto. Il mezzo, secondo gli inquirenti che da settimane indagano sui numerosi colpi messi a segno, sempre con la stessa modalità, in diverse attività commerciali della provincia, è con molta probabilità il furgone-ariete utilizzato per compiere i furti con spaccata saliti alla ribalta delle cronache locali negli ultimi giorni.

Gli agenti intimano più volte l'alt al mezzo ma l'autista non sembra intenzionato a fermarsi. Inizia così un lungo inseguimento da parte della polizia per cercare di bloccare il furgone. Durante la corsa i poliziotti esplodono anche colpi d'arma da fuoco ma i malviventi non si lasciano intimorire e riescono ad arrivare fino a Ceccano, dove abbandonano il mezzo e si danno alla fuga a bordo di un'altra auto.

Prima di dileguarsi, i fuggitivi hanno cercato di dar fuoco al furgone ma gli agenti sono riusciti ad evitare che il veicolo venisse distrutto dalle fiamme. Dagli accertamenti eseguiti in queste ore sul furgone, posto sotto sequestro, potrebbero emergere importanti tracce per risalire a quella che, con molta probabilità, è la banda che nelle ultime settimane ha colpito diverse attività. Tra queste il bar "377" di Veroli assaltato venerdì scorso.