Residenze fittizie per pagare meno l'assicurazione su autotreni, furgoni e anche qualche macchina. Un trucco scoperto dalla Guardia di finanza che ha portato quattro persone a finire davanti al gup del tribunale di Frosinone.
Nel corso dell'udienza, tuttavia, la difesa ha avanzato un'eccezione sull'indeterminatezza del capo d'imputazione. Gli avvocati contestavano che nell'atto d'accusa si rimanda agli allegati con i contratti finiti nel mirino della procura, allegati che, però, non erano inclusi nella richiesta di rinvio a giudizio. Così il gup Ida Logoluso, dopo una beve camera di consiglio, ha accolto la richiesta ha rinviato gli atti alla procura in modo da poter riformulare il capo d'imputazione senza ledere i diritti della difesa.

Prossima udienza a ottobre per vagliare la posizione dei quattro imputati, assistiti dagli avvocati Marco Antonio Ottaviani, Luigia Caliciotti e Gian Luca Mazzotta.
La Fondiaria Sai, ora Unipol, si è costituita parte civile e si è affidata all'avvocato Andrea Parlatore.

Stando alle accuse erano soprattutto società di autotrasporto con sede legale a Napoli, Benevento o Isernia a dichiarare di avere la residenza in provincia di Frosinone. Attraverso la presentazione di certificati falsificati, quindi, le imprese avrebbero beneficiato di premi assicurativi più bassi rispetto a quelli che avrebbero ottenuto nelle province campane. In qualche caso è stata anche contestato il danneggiamento fraudolento di beni.
L'inchiesta ha coperto il periodo 2012-2014. A seguito degli accertamenti condotti dai finanzieri è emerso che alcune aziende da Napoli e provincia, ma anche da altri territori della Campania venivano ad assicurare i propri mezzi nel Frusinate. La maggior parte dei mezzi assicurativi è composta da autotreni, non mancano anche i furgoni. Solo sporadicamente le società assicuravano automobili. Spulciando la documentazione presentata e incrociandola con i dati delle società è emerso, tuttavia, che la residenza effettiva delle imprese era fuori regione.
Da qui la denuncia che ha preso in considerazione poco meno di 150 contratti d'assicurazione.