Respinti i ricorsi. Antonio Palleschi sconterà, per la morte della professoressa Gilberta Palleschi, 20 anni di reclusione più 2 in una rems. I giudici della Corte di Cassazione si sono espressi poco fa con queste parole. Ora si attendono le motivazioni per poter valutare il criterio utilizzato dai giudici della Corte Suprema che sono stati chiamati a valutare i ricorsi proposti sia dalle parti civili, sia del pg della Corte d'Appello. La contestazione, molto forte, era legata alla riduzione di pena nei confronti del muratore accusato di aver barbaramente ucciso la professoressa di Sora.
In mattinata il procuratore generale aveva concluso per l'inammissibilita del ricorso delle parti civili e per l'infondatezza del ricorso del procuratore generale presso la Corte di appello. E per la conferma della sentenza di secondo grado per Antonio Palleschi: la decisione è giunta poco fa, dopo una lunga attesa dei familiari della vittima, assistiti dall'avvocato Contucci. A rappresentare l'imputato, l'avvocato Angelo Pollino
Ricordiamo che il caso di Gilberta Palleschi che venne aggredita e uccisa da Antonio Palleschi la mattina del 1 novembre del 2014, mentre faceva jogging, infatti, è arrivato in Cassazione che ha confermato la riduzione di pena avvenuta in secondo grado. Antonio Palleschi era dapprima condannato all'ergastolo. L'anno scorso in Corte d'Appello la pena fu ridotta a 20 anni più 3 anni in una rems.

La discussione è terminata da poco con un colpo di scena. In Cassazione il procuratore generale ha concluso per l'inammissibilita del ricorso delle parti civili e per l'infondatezza del ricorso del procuratore generale presso la Corte di appello. E per la conferma della sentenza di secondo grado per Antonio Palleschi, l'unico imputato per il caso della professoressa Gilberta Palleschi. Il pg della Corte di Cassazione, dopo le discussioni delle parti - l'avvocato Angelo Pollino, difensore dell'imputato e l'avvocato Contucci per parti civili - ha avanzato le sue richieste, accogliendo la tesi difensiva già depositata dall'avvocato Pollino, che si è inserita nel solco tracciato dall'avvocato De Cristofano. Forte l'opposizione dell'avvocato Contucci. Ora i giudici dovranno pronunciarsi. Ricordiamo che Gilberta Palleschi venne aggredita e uccisa da Antonio Palleschi la mattina del 1 novembre del 2014, mentre faceva jogging, infatti, arriverà alla Cassazione che dovrà confermare o meno la riduzione di penaavvenuta in secondo grado.

Antonio Palleschi era dapprima condannato all'ergastolo. L'anno scorso in Corte d'Appello la pena fu ridotta a 20 anni più 3 anni in una rems.