Tragico incidente in località San Sosio, a Castro dei Volsci: un morto e un ferito grave. Intorno alle 13.40 un camion del trasporto latte, utilizzato da un caseificio poco distante, dopo essersi leggermente urtato con una Mercedes grigia che viaggiava in senso opposto, è finito in un fossato a lato della strada, al km 15 della SR 637 via Gaeta, prima dell'ingresso della curva. Morto sul colpo il passeggero del mezzo, Giulio Campagna, di ottantotto anni e gravemente ferito il conducente S. P., che di anni ne ha sessantasei ed è stato elitrasportato in ospedale a Roma. I due sono zio e nipote.

Giulio viveva Castro, precisamente a Vallefratta, vicino la casa natale di Nino Manfredi, così come il nipote. Si tratta di persone benvolute dagli abitanti della contrada, che rientravano dalconsueto giro a bordo del mezzo per la raccolta latte, durante il quale Giulio era solito far compagnia a suo nipote.La tragedia ha scosso la piccola comunità. E prosegue la triste scia di morti accidentali che ha perseguitato la famiglia Campagna nel corso degli anni, colpendo prima il giovane nipote (deceduto a bordo del suo scooter) e poi il figlio (in un incidente domestico). Sulla dinamica dell'incidente i carabinieri non possono sbilanciarsi, tutto è ancora da accertare.

Il conducente dell'auto coinvolta non ha esitato a fermarsi e a chiamare i soccorsi che, con molta fatica e grazie all'aiuto dei vigili del fuoco, hanno provveduto a estrarre ledue personedall'abitacolo schiacciato del mezzo pesante. Tutto quel che finora è stato possibile cogliere è l'assenza di segni di frenata sull'asfalto e i segni della vernice del camion sulla partefinale dellafiancatadell'automobile, che lasciano immaginare il tentativo di evitare un impatto. L'accaduto si presta a diverse ipotesi: uno dei due mezzi può aver invaso parzialmente la corsia dell'altro che sopraggiungeva (il camion verso Castro, l'auto verso Ceccano), considerando che sitratta diun puntomolto pericoloso, in quanto adiacente all'ingresso di un'ampia curva. Tuttavia non può escludersi neanche l'ipotesi di un malore o una mossa istintiva del guidatore dell'autocisterna, colto alla sprovvista dal sopraggiungere della Mercedes.l