Notte da incubo sulle strade a servizio del territorio di Ceprano. Due incidenti sulla Casilina e sulla 82 Valle del Liri, quest'ultimo causato dall'attraversamento di cinghiali, ed evitato un terzo, sempre sulla regionale, grazie alla prontezza dell'uomo al volante che è riuscito a schivare l'impatto sempre con un cinghiale Si riaffaccia l'incubo degli animali selvatici che mettono a rischio l'incolumità degli automobilisti. Gli hincidenti si sono registrati nel cuore della notte fra venerdì e sabato scorso.

Sulla 82 Valle del Liri, intorno alle tre della notte, il sinistro è stato causato proprio dall'attraversamento di un grande animale seguito da due cuccioli. Sulla Casilina, invece, all'altezza del distributore di carburante in prossimità dell'ingresso nord della città, un abile automobilista è riuscito a evitare l'impatto. Analoghi episodi si erano registrati nei mesi scorsi, avvistamenti di cinghiali, impatti evitati, ma con la stagione estiva si riaffaccia il pericolo in quanto gli animali selvatici si avvicinano al centro e sulle strade in cerca di cibo mettendo a rischio l'incolumità dei cittadini.

Ricordiamo gli ultimi episodi in cui i cinghiali sono entrati nei giardini delle abitazioni giungendo fin davanti ai portoni e compromettendo la sicurezza degli abitanti delle zone periferiche. Questo periodo di tregua ha abbassato l'allarme, ma il fenomeno torna a porsi in maniera allarmante. Fortunatamente i mezzi coinvolti negli incidenti, in genere viaggiavano a velocità moderata e comunque le auto sono riuscite attutire l'impatto con gli animali evitando danni ai conducenti, ma non è da escludere il rischio di eventuali tragedie, per cui è opportuno intervenire prima che sia troppo tardi. Per quanto riguarda l'incidente, fortunatamente si è trattato di un tamponamento registrato sulla Casilina in località Ponterotto con lievi conseguenze. Le persone coinvolte, giovani di Arce e Falvaterra, se la caveranno con una prognosi di sette giorni.
Sul luogo degli incidenti sono intervenuti i carabinieri di Ceprano che hanno effettuato i rilievi di rito e garantito la sicurezza stradale.