Incidente sulla corsia nord dell'A1, all'altezza dell'ex casello autostradale di Ceprano. Coinvolta una famiglia di Battibaglia. Elitrasportati un bimbo di 15 mesi, la sorellina di tre anni e la madre. All'origine del sinistro sembrerebbe esserci stato un colpo di sonno del capofamiglia che era alla guida dell'auto.
L'incidente si è verificato nel pomeriggio di ieri, intorno alle 16. La famiglia, padre, madre e due bambini, partita da Battipaglia, viaggiava a bordo della propria auto sulla corsia nord dell'A1. Il mezzo era giunto a circa un chilometro di distanza dal casello autostradale di Ceprano quando, forse a causa di un colpo di sonno dell'uomo che era alla guida, ha sbandato. Sul luogo sono intervenuti gli agenti della Polstrada, le ambulanze di Pontecorco e Cassino, l'automedica di Ceprano e due eliambulanze. È apparso subito in gravi condizioni il più piccolo della famiglia, il bimbo di 15 mesi che è stato elitrasportato al Policlinico Gemelli di Roma in codice rosso. Il bambino ha riportato un trauma cranico, i soccorritori si sono ritrovati di fronte il piccolo con un'orbita oculare gonfia, un ematoma e fuoriuscita di sangue dalle orecchie. Un secondo elicottero, partito dalla base di Roma, è atterrato sul luogo dell'incidente per trasportare, sempre al Policlinico Gemelli, la madre del piccolo che ha riportato un trama della colonna e dell'addome e la sorellina, di circa tre anni, che tuttavia non sembra abbia riportato traumi significativi. I poliziotti intervenuti sul luogo dell'incidente hanno effettuato i rilievi e garantito la sicurezza autostradale, oltre ad assicurare le operazioni di soccorso.
Il traffico è stato bloccato durante l'atterraggio delle eliambulanze e durante le operazioni di sgombero delle corsie, da cui è stato rimosso il mezzo incidentato caricato sul carro attrezzi Marinelli di Castrocielo. In breve i mezzi hanno ripreso a transitare lentamente e poco dopo il traffico è tornato alla regolarità.