È attesa per oggi l'autopsia sul corpo del trentanovenne Enrico Di Sarra, morto improvvisamente l'altro ieri per cause da accertare in località Selva Alta, a Isola Liri. La tragedia, avvenuta nel pomeriggio di mercoledì, ha gettato nello sconforto la sua famiglia, già provata dalla prematura scomparsa del fratello, e i tanti amici che gli volevano bene. La salma del giovane si trova ora all'obitorio dell'ospedale Santa Scolastica di Cassino dove verrà eseguita l'autopsia, probabilmente oggi stesso. Dopo l'esame autoptico, la salma verrà riconsegnata ai familiari che potranno disporre la data e l'orario dei funerali, curati dalla ditta di onoranze funebri "Martini S e C" di Isola del Liri.  

Per il trentanovenne, che a settembre avrebbe festeggiato i suoi quarant'anni, non c'è stato nulla da fare. Le forze dell'ordine, intervenute sul posto insieme ai soccorritori del 118, hanno avviato un'indagine per ricostruire le ultime ore di vita dell'uomo, trovato morto nel panificio in cui lavorava. «Siamo senza parole, è una cosa terribile - dice una signora di Selva Alta che ha visto crescere Enrico - Ha affrontato tanti momenti difficili come la perdita del padre e soprattutto del fratello. Aspettiamo i funerali per abbracciare la mamma».