I vigili urbani a Sora forse soffrono di stress a causa dei turni incalzanti. Sette vigili urbani su diciotto vogliono lasciare il corpo e chiedono la mobilità: stressati dalle troppe ore di lavoro.  

Dopo tanto servizio prestato senza distinzione di giorni rossi sul calendario, tra martedì e mercoledì, ben sette agenti della polizia locale hanno protocollato la richiesta di mobilità interna nei servizi amministrativi del Comune. Chiedono di essere spostati in altri settori ed affrontare l'impegno lavorativo diversamente perché gli orari sono improponibili.

Doccia fredda per l'amministrazione comunale guidata dal sindaco Roberto De Donatis. Il delegato alla polizia municipale, il consigliere Francesco De Gasperis, non si scompone. «Rispetto la richiesta di questi dipendenti, ma non la condivido -ha detto l'amministratore- Cercheremo di trovare delle soluzioni, ma considerando la situazione attuale non possiamo far nulla per le criticità sollevate. Il corpo dei vigili urbani è già in carenza e la legge non ci permette di assumere. Forse si potrebbe immaginare di programmare una mobilità a rotazione, ma sono idee che forse non si trasformeranno mai in realtà. Mi dispiace per la loro situazione di stanchezza, ma è anche la mia come lavoratore però io purtroppo non mi posso lamentare con nessuno»