Un vero e proprio miracolo di San Cataldo: solo così si può spiegare come D.M., un ambulante di mezza età di Napoli, sia riuscito a scampare ad una violenta esplosione avvenuta all'interno della sua macchina, nella quale si trovava dopo avervi passato la notte dormendo. 

I fatti
Tutto è accaduto intorno alle 5.30 di questa mattina. L'uomo, di professione ambulante, secondo la ricostruzione dell'accaduto, si era recato già dalla tarda serata di ieri a Supino, dove oggi sono in programma i solenni festeggiamenti in onore del compatrono San Cataldo. Ha parcheggiato la sua Fiat Multipla in viale Regina Magherita, nel pieno centro storico del paese, in attesa della giornata odierna e quindi di allestire la sua bancarella per la vendita di noccioline. Quindi, come è solito fare spesso in occasione delle feste e fiere paesane, per risparmiare si è addormentato dentro la macchina. Alle prime luci dell'alba si è svegliato e, dopo essersi sgranchito un po', ha acceso una sigaretta. Un attimo e l'abitacolo della Fiat è stato investito da una violentissima deflagrazione. Uno scoppio causato, pare essere stata questa la causa, dai gas di scarico di un generatore di corrente posizionato nei pressi della Multipla che avevano invaso la vettura dell'ambulante. L'esplosione, come detto, è stata molto potente ed ha centrato in pieno l'uomo. Immediatamente D.M. è stato soccorso dagli altri ambulanti presenti alla ricca fiera, quindi sono stati allertati i soccorsi. Sul posto si sono portati i vigili del fuoco di Frosinone, che hanno messo in sicurezza la zona, e gli operatori del 118, che con un'ambulanza hanno trasportato il commerciante all'ospedale "Fabrizio Spaziani" di Frosinone

Qui, per fortuna, gli sono state riscontrate solo leggere ferite e qualche piccola ustione provocate dallo scoppio, giudicate guaribili in pochi giorni. Un vero "miracolo", insomma, come in molti hanno commentato. Considerata l'entità dell'esplosione e i danni alla macchina, infatti, i primi soccorritori avevano pensato al peggio temendo conseguenze molto serie se non fatali per l'uomo. E tantissimi sono stati i fedeli che hanno attribuito alla protezione di San Cataldo lo scampato pericolo, sia per l'uomo sia per gli altri ambulanti anch'essi prossimi all'esplosione e sia anche per i residenti nelle abitazioni che si trovano a ridosso della macchina finita in pezzi.
In paese da questa mattina non  si parla d'altro e anche durante la processione si sono levate preghiere al santo compatrono, molto venerato non solo a Supino, per la sua intercessione a favore dell'ambulante. 

Questa mattina intorno alle 5.30 a Supino, in occasione dei festeggiamenti di San Cataldo, un ambulante in attesa di montare la bancarella di noccioline ha acceso una sigaretta all'interno dell'abitacolo del proprio mezzo provocando un'esplosione. L'uomo e' stato accompagnato al Pronto soccorso dell'ospedale di Frosinone per accertamenti. Il veicolo è stato sequestrato. Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri per i rilievi di rito. Queste le informazioni finora trapelate sull'accaduto