Una folla mai vista prima per dare l'ultimo commosso saluto a Lorenzo Saggese, il trentenne di Cassino coinvolto in un incidente dall'esito mortale sabato notte. Fiori, palloncini, musica e applausi per ricordargli che nessuno potrà mai dimenticarlo. Che nessuno potrà mai dimenticare la sua vivacità, il suo sorriso, la sua disponibilità. Tutte quelle caratteristiche che "hanno permesso a Lorenzo di aiutare a costruire il Regno dei Cieli". Toccante la lettera letta dalla sua fidanzata. Poi tante lacrime e palloncini bianchi e celesti, e applausi interminabili da parte di una città che non potrà dimenticare

La città si è fermata per l'ultimo, doloroso addio a Lorenzo Saggese, il 31enne morto nella notte tra sabato e domenica scorsi in pieno centro a Cassino in un incidente mentre era in sella al suo scooterone. La piazza antistante la chiesa Madre non riesce a contenere tutti gli amici, i conoscenti e i familiari ai quali si sono aggiunti anche cittadini che Lorenzo lo conoscevano solo di vista. Palloncini bianchi e celesti e tanti fiori all'ingresso della Chiesa e transenne per contenere l'enorme folla accorsa per tributargli l'ultimo saluto. Uno strazio indescrivibile. La morte di Lorenzo ha lasciato un grandissimo vuoto: il trentunenne era conosciuto da molte persone e tutti lo ricordano per il suo meraviglioso carattere e il suo sorriso contagioso.

Un silenzio assordante all'arrivo del feretro, poco fa. Volti rigati dalle lacrime e la speranza che sia solo un brutto incubo da cui svegliarsi, ma che purtroppo tale non è. Una tragedia che ha scosso tutta la comunità sulla quale è calata una cappa di dolore e tristezza.