Nella serata di ieri i carabinieri della Stazione di Frosinone hanno notificato ad un 37enne del luogo, già censito per reati contro la persona ed il patrimonio, un decreto di misura cautelare personale, in esecuzione di un provvedimento emesso dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Frosinone, a seguito di specifica richiesta da parte del reparto operante.
Tale provvedimento scaturiva dal comportamento dell'uomo che, nel periodo compreso tra il mese di settembre 2017 ed aprile 2018, si era reso responsabile dei reati di "maltrattamenti in famiglia e lesioni" commessi nei confronti della madre e della sorella conviventi. Le stesse, infatti, venivano picchiate dal 37enne ogni qual volta non acconsentivano alle sue incessanti richieste di denaro, necessario per l'acquisto di sostanze stupefacenti. I carabinieri, quindi, viste le continue violazioni poste in essere, richiedevano ed ottenevano dall'autorità giudiziaria l'ordinanza applicativa di misura cautelare in carcere. L'arrestato, al termine delle formalità di rito, veniva tradotto presso la Casa Circondariale di Frosinone.