Entrano nel vivo i lavori del costruendo "Parco del Matusa". I mezzi e gli operai della ditta "G&M" di Veroli, dopo le prime opere di allestimento del cantiere partite il 24 marzo, hanno iniziato ad operare concretamente nel prato e nelle aree i cui dovranno essere realizzate la piste ciclabile e pedonale. Sul cantiere, nel pomeriggio di ieri, si sono recati anche il sindaco Nicola Ottaviani e il dirigente del settore lavori pubblici Elio Noce per verificare gli adempimenti preliminari.
Dopo il completamento delle prime opere di adattamento dell'area, quello cantierato a partire dalla fine di marzo è il primo lotto funzionale del costruendo parco. Ad eseguire i lavori, tra le quattordici delle diciotto ditte invitate a partecipare alla gara, è la "G&M Lavori srl" di Veroli specializzata in costruzioni edili e stradali. L'importo complessivo dei lavori a contratto è di 278.888,47 mentre gli oneri per la sicurezza ammontano a 6.030,62 euro. La cifra a base di gara era di 364.408,10 euro e la "G&M", tra le proposte ritenute congrue, ha offerto un ribasso del 25,123% pari a 91.550,25 euro. Soldi questi ultimi che saranno reinvestiti nel parco. La progettazione esecutiva è stata curata dall'architetto Ketty Di Tardo, docente dell'Accademia di Belle Arti, mentre il direttore dei lavori e responsabile unico del procedimento è il dirigente del settore lavori pubblici Elio Noce. Il primo lotto funzionale, il cui termine di esecuzione è fissato in 189 giorni anche se si punta a concludere prima, prevede la realizzazione di una pista pedonale e ciclabile di 2.400 metri quadrati e di sei metri di larghezza che farà da anello al parco e che fungerà da filo conduttore e da interscambio tra le varie piazze verdi del parco. La pavimentazione sarà in pietra di Trani uno dei marmi, maggiormente impiegati nell'edilizia, le cui venature lo rendono uno dei materiali più impiegati per il rivestimento di qualsiasi tipologia di superficie. Infatti rappresenta un materiale molto versatile, in quanto può essere utilizzato nelle varianti lucido, levigato, burattato, bocciardato, per le scale interne ed esterne, per i pavimenti, i rivestimenti, arredo bagno, ideale per la pavimentazione di viali e per tantissime altre destinazioni d'uso. Sarà l'azienda vivai Pavia ad occuparsi, invece, della piantumazione degli alberi nell'ambito dei lavori del primo lotto funzionale del realizzando "Parco del Matusa". Sono state ultimate, nei giorni scorsi, infatti, da parte dell'ufficio tecnico del Comune di Frosinone, le procedure relative al primo lotto delle piantumazioni arboree, all'interno del vecchio stadio "Comunale" dove, proprio in questi giorni, sono stati attivati anche i lavori per la realizzazione dei percorsi pedonali e ciclabili. L'impresa vivaistica aggiudicataria, l'azienda Pavia di Alatri, ha proposto un ribasso di circa il 30% sulla base di gara, generando ulteriori economie che potranno essere reinvestite in altre piantumazioni che, dunque, in questa prima fase, supereranno l'importo di 100.000 euro, suddivise in cespugli, giardini ed essenze arboree di alto fusto. L'importo a base di gara era di 73.158,07 euro ed è stata aggiudicata per una cifra di poco superiore a 50.000 euro. Il termine di esecuzione delle opere è stimato in venti giorni naturali e consecutivi decorrenti dalla data di consegna dei lavori. Delle quattordici ditte invitate a partecipare in quattro hanno voluto visionare gli elaborati progettuali dei lavori da realizzare e in tre hanno formalizzato un'offerta, depositandola all'ufficio protocollo del Comune di Frosinone. L'ufficio tecnico in queste ore sta verificando la documentazione e le certificazioni prodotte dalla ditta che si è aggiudicata in via provvisoria l'appalto e, se tutto dovesse risultare regolare, si procederà all'aggiudicazione definitiva. Da quel momento dovranno passare 35 giorni prima della firma del contratto, termine che potrebbe essere notevolmente accorciato qualora ci fossero le liberatorie da parte delle altre ditte partecipanti. Conclusa la prima fase ci saranno altri due step che porteranno al completamento del parco. Non saranno realizzati nuovi palazzi. I costi generali si aggirano attorno ai 2 milioni di euro che saranno coperti con gli oneri di urbanizzazione ed eventualmente anche con il contributo economico di sponsor privati.