Nuovi sviluppi sono attesi domani, giovedì 5 aprile, per il caso della bimba nata morta all'ospedale Santissima Trinità di Sora il 17 gennaio 2015. I genitori, originari di Fontana Liri, hanno sete di verità sulla morte della piccola e proseguono nella loro battaglia legale iniziata all'indomani della perdita della loro figlia. Alla mamma fu deciso di praticare il taglio cesareo: la donna ebbe perdite e dolori addominali pochi giorni prima del parto e la bimba venne alla luce morta. L'autopsia rivelò che la causa del decesso fu l'asfissia.
Nel 2015 la procura di Cassino aprì un'inchiesta che fruttò l'iscrizione nel registro degli indagati del personale ospedaliero che dal 12 al 17 gennaio di quell'anno era in servizio. Il pubblico ministero chiese l'archiviazione del caso ma i genitori della bimba, con l'assistenza dell'avvocato Carlo Sartini del foro di Roma, fecero opposizione.
Domani è fissata l'udienza, alle 10 presso il tribunale di Cassino, e i genitori della bambina confidano nel lavoro della magistratura per conoscere tutta la verità sulla morte della piccola, alla quale non riescono a rassegnarsi. Ci sarà l'acquisizione delle perizie tecniche e chissà che già domani possano emergere fatti nuovi dall'esito degli esami già compiuti. L'attesa dei familiari della piccola è molto alta, in particolare quella di un papà e di una mamma messi così a dura prova dalla vita.