Un'infatuazione non corrisposta. Un sentimento dichiarato e non ricambiato da quell'amica che forse, per questo, l'aveva allontanata. Così, una 38enne residente in provincia di Frosinone si è trasformata nel peggiore incubo per quella donna rea di non provare i suoi stessi sentimenti. In breve tempo quella che era un'amica è diventata una persecuzione. Molestie verbali e tramite comunicazioni sui social network, che con il passare del tempo sono diventate sempre più pesanti. Poi la 38enne ha proseguito con dei veri e propri pedinamenti nei confronti dell'ex amica e dei suoi familiari e, addirittura, è arrivata a danneggiare l'auto del fratello della ragazza. Atti persecutori a tutti gli effetti che hanno portato la famiglia della vittima a denunciare tutto ai carabinieri. Le successive attività investigative, hanno permesso ai militari di accertare le responsabilità della 38enne che è, così, finita agli arresti domiciliari poiché ritenuta colpevole del reato di "atti persecutori". Nei confronti dell'ex amica innamorata è scattato, inoltre, il divieto di comunicare per via telefonica e telematica e di accedere, anche per interposta persona, a qualsiasi "social network".