Un triste giorno che Sora continua a non voler dimenticare. Ricorre venerdì 6 aprile il nono anniversario del terribile sisma che colpì la città de L'Aquila la notte del 6 aprile 2009. Nel corso di una cerimonia, il sindaco Roberto De Donatis e l'amministrazione Comunale ricorderanno le due giovani vittime sorane che persero la vita nel capoluogo abruzzese. Autorità, familiari ed amici ricorderanno Marco Alviani e Armando Cristiani rendendo loro omaggio. La cerimonia è in programma alle ore 9.30, l'appuntamento presso il cimitero comunale, dove saranno deposte delle composizioni floreali sulle tombe dei due studenti universitari. Saranno presenti, oltre al primo cittadino, le famiglie Alviani e Cristiani, le autorità e le associazioni cittadine. Tutta la cittadinanza è invitata a partecipare alla cerimonia. Intanto la famiglia Alviani annuncia che sabato 7 aprile, alle ore 18.30, nella Chiesa di Santo Spirito, sarà celebrata una santa messa in suffragio di Marco. Ricordiamo che la scossa più violenta dello sciame sismico aquilano fu registrata appunto in quella notte di terrore: indimenticabile quell'orario, erano le 3.32. Tante vite spezzate, una città devastata, un profondo dolore che ancora oggi si avverte nel capoluogo abruzzese ancora in fase di ricostruzione. Trecentonove le vittime, oltre 1.600 feriti e oltre 10 miliardi di euro di danni stimati.