Droga tra i banchi di scuola, le unità cinofile individuano uno spacciatore di quindici anni che viene denunciato, mentre un diciassettenne è stato segnalato alla prefettura come assuntore. L'operazione è stata condotta dalla polizia di stato e ancora una volta ha riguardato un controllo all'interno di un istituto scolastico superiore. La vendita e il consumo di droga, quindi, non risparmia nemmeno le scuole, un fenomeno non nuovo per la verità, ma che si cerca di contrastare con ogni mezzo.
Sia sul fronte informativo e preventivo con incontri negli istituti da parte delle forze di polizia, sia con operazioni come quella di ieri nella città dei papi che rientra nell'intensa attività antidroga avviata da tempo dalla questura di Frosinone con gli agenti della squadra volante.
L'operazione
A cooordinarla, come quelle avvenute in passato nelle varie realtà scolastiche del territorio provinciale, Flavio Genovesi, dirigente proprio delle volanti. Il blitz ha interessato un istituto superiore scolastico di Anagni. Gli agenti si sono presentati una volta iniziate le lezioni accompagnati dalle unità cinofile. E proprio il fiuto di Birba e Jamil ha scovato tra i banchi di scuola l'hashish che era addosso allo studente. La sostanza stupefacente è stata sequestrata. Il controllo personale ha comunque fatto emergere un elemento preoccupante, infatti è stato individuato, sempre addosso al ragazzo, e sequestrato, anche il materiale per il confezionamento delle dosi da rivendere poi all'interno dell'istituto. Per il quindicenne e giovane spacciatore è scattata la denuncia, mentre il diciassettenne, in questo caso acquirente, è stato segnalato al prefetto in quanto assuntore di droga. Non è la prima volta che all'interno di un istituto scolastico viene trovata la droga, anche se in questo caso il fatto nuovo è che è scattata una denuncia per uno dei ragazzi che frequentano l'istituto. I controlli proseguiranno anche nei prossimi giorni e saranno a sorpresa per gli istituti scolastici. La lotta allo spaccio di droga da parte della polizia non si ferma, partendo anche dalle scuole, luoghi monitorati dalle forze dell'ordine.