Quando sono arrivati ad aprire la sede di via Brighindi hanno trovato le stanze a soqquadro. Cassetti rovistati e all'appello mancavano quattro computer portatili. A quel punto non è restato altro che contattare immediatamente le forze dell'ordine. Sul posto la polizia che ha avviato subito le indagini per cercare di risalire ai banditi che, nella notte tra lunedì e martedì, sono entrati furtivamente negli uffici dell'associazione Codici, che assiste quotidianamente tutti i consumatori, utenti e contribuenti della Provincia di Frosinone.
La ricostruzione
«Stanotte la sede di Codici Frosinone ha subìto un furto. Ci hanno tolto 4 computer portatili e qualcos'altro -si legge sulla pagina Facebook- Abbiamo chiamato la Polizia di Stato a cui siamo grati per la velocità e la solerzia nel predisporre i rilievi del caso, per il resto già siamo nuovamente operativi». E dall'associazione rassicurano: «Molti ci chiedono dei dati e dei documenti pensando che possiamo aver perso qualcosa. File e documenti li abbiamo tutti in doppia copia su pennette usb e comunque salvati in backup». I ladri sarebbero entrati dall'ingresso principale della sede che si trova nella parte alta del Capoluogo, senza lasciare grandi segni di effrazione. Le stanze sono state messe tutte a soqquadro. Carte e documenti a terra, ma non mancherebbe nulla all'appello e, comunque, come rassicurato dall'associazione, hanno la doppia copia di tutto ciò che riguarda "Codici". I banditi, invece, hanno portato via quattro computer. I poliziotti hanno avviato tutti gli accertamenti di rito, per cercare di trovare elementi utili a dare un nome e un volto agli autori del colpo nell'associazione "Codici". Quello dell'altra notte è solo l'ultimo, in ordine di tempo, dei diversi raid che si stanno registrando nell'ultimo periodo a Frosinone.