Nuovo blitz in difesa dell'ambiente, ancora una volta i carabinieri forestali della locale Stazione di Anagni individuano una criticità. I militari infatti dopo un controllo hanno denunciato il titolare di un'officina meccanica, poichè la sua azienda era priva di impianto di depurazione. L'uomo è stato sorpreso ad effettuare riparazioni di automezzi sul piazzale in cemento di pertinenza della sua attività, e secondo quanto previsto dalle norme i piazzali dove avvengono le lavorazioni e le movimentazioni devono essere muniti di un impianto di depurazione delle acque di prima pioggia, proprio per evitare la dispersione nell'ambiente di sostanze cadute durante l'attività lavorativa. Nello specifico è stato riscontrato che erano in corso interventi di manutenzione su due veicoli industriali e sono state riscontrate chiazze sul piazzale di oli creando una situazione di potenziale rischio per l'ambiente.