Maxi discarica abusiva alla periferia di Sora. Via Campovarigno finisce sotto la lente d'ingrandimento dei carabinieri forestali.
Nell'ambito delle attività di controllo del territorio finalizzato alla prevenzione e repressione di illeciti in materia ambientale nel comune di Sora, i militari della locale stazione Carabinieri Forestale hanno individuato e sottoposto a sequestro un'area privata adibita a discarica abusiva. Le operazioni hanno portato i militari a fare un sopralluogo in un'area poco distante dal campo sportivo Trecce.
La situazione che si sono trovati davanti agli occhi i carabinieri ha fatto scattare immediatamente i provvedimenti. Sul posto sono stati rinvenuti rifiuti speciali di ogni genere come materiali di risulta provenienti da demolizione edilizia, materiale elettrico, ferroso, plastico e legnoso. Rinvenute anche attrezzature e mobili in disuso, abbandonati su un'area di oltre quattrocento metri quadri. Una fotografia che desta molto preoccupazione se si pensa alla tutela ambientale della zona.
I militari hanno eseguito il sequestro preventivo dell'intera area per evitare ulteriori gravi conseguenze derivanti dall'abbandono e dallo smaltimento illecito di rifiuti. Probabilmente se non si fossero presi provvedimenti urgenti chissà quanto altro materiale sarebbe stato lasciato nella discarica a cielo aperto.
Il proprietario dell'area, un sessantacinquenne, è stato denunciato all'autorità giudiziaria di Cassino per smaltimento di rifiuti speciali. L'uomo avrà inoltre l'obbligo di bonificare il sito.
Sono in corso ulteriori accertamenti da parte dei militari ed è stata interpellata anche l'Asl di Sora. In un'area adiacente la discarica l'anziano custodiva anche alcuni asini e cavalli. E quindi le accuse a carico dell'uomo potrebbero addirittura aumentare.