L'identikit dettagliato e gli elementi per risalire all'auto utilizzata sono stati fondamentali per individuare l'autore dell'aggressione e della rapina ai danni di una giovane prostituta. Nei guai un ventottenne, M.G., di Sgurgola, bloccato dagli agenti della polizia in via Mascagni, a Frosinone. Il fatto si è verificato intorno alle 21 di lunedì scorso quando, sulla linea di emergenza 113 della Questura, è arrivata una telefonata di una donna che segnalava di essere stata rapinata in via Armando Vona.

Le indagini

"Sono stata rapinata" è la segnalazione arrivata alla Questura. Immediatamente sul posto sono arrivati gli agenti della squadra volante della questura, guidata dal commissario capo Flavio Genovesi, per raccogliere la testimonianze della donna e cercare elementi utili a identificare il rapinatore. Stando alla ricostruzione dei fatti, la trentenne, straniera, dopo la prestazione lavorativa, è stata aggredita e derubata della borsa. Gli agenti subito sulle tracce dell'autore, di cui avevano un dettagliato identikit, hanno setacciato le zone limitrofe.
La ricerca è terminata termina due ore dopo, in via Mascagni. Il ventottenne è stato accompagnato in Questura per gli accertamenti di rito. Per lui è scattata, quindi, la denuncia. La ragazza ha dovuto fare ricorso alle cure dei dottori. Sul posto, infatti, è arrivato il personale medico con un'ambulanza. Per fortuna, a parte li spavento, la trentenne ha riportato solo alcune escoriazioni. E grazie al suo coraggio e alla segnalazione dettagliata fornita ai poliziotti, l'autore è stato rintracciato poco dopo nella parte bassa del capoluogo ciociaro.