Tentata rapina in un bar a Posta Fibreno. In due, armati di coltello, con il volto coperto con una sciarpa, sono entrati in azione intorno alle 21.30 di ieri. Il proprietario è riuscito, però, a farli desistere e a metterli in fuga. Immediatamente è stato lanciato l'allarme e sulle tracce dei due, fuggiti a bordo di una Fiat Panda, si sono subito messi i carabinieri. L'auto è stata rintracciata e bloccata a Sora. Fermati M.L, 39 anni, già noto alle forze dell'ordine per stupefacenti e reati contro la persona e il patrimonio, e F.A., 41 anni, entrambi residenti a Sora.

Stando a una prima ricostruzione dell'accaduto, i due, una volta all'interno, si sono diretti verso il titolare che era dietro il bancone, lo hanno minacciato con il coltello intimandogli di consegnargli dei soldi. Quest'ultimo, però, ha reagito istintivamente innescando, così, uno scontro fisico a seguito del quale i rapinatori desistevano dal loro intento criminoso, fuggendo a bordo di  un'auto. Grazie alle immediate e puntuali indicazioni della vittima e della moglie, unici presenti quando i due hanno fatto irruzione, i militari hanno avviato immediatamente le ricerche. Il trentanovenne e il quarantunenne sono stati intercettati e fermati nel centro di Sora dopo un breve inseguimento.

Rilevato il concreto pericolo di fuga e la gravità della condotta posta in essere, grazie agli elementi probatori raccolti, i due sono stati sottoposti a fermo di polizia giudiziaria e, dopo le formalità di rito, sono stati accompagnati nelle rispettive abitazioni in regime di arresti domiciliari, come disposto dall'autorità giudiziaria.