Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha firmato il decreto di scioglimento del Consiglio comunale di Anagni, così decretando in via definitiva la fine dell'amministrazione guidata dal sindaco Fausto Bassetta. La notizia è arrivata poco fa da affidabili fonti di Palazzo, confermate anche dal consigliere Giuseppe De Luca che ha personalmente contattato ambienti della Presidenza della Repubblica. La firma arriva dopo le dimissioni di massa presentate dai consiglieri di opposizione e da altri ex maggioranza ma da tempo avversi al sindaco Bassetta. 
A questo punto si attende solo l'ufficialità della firma, anche se si tratta solo di un aspetto formale, per mettere una pietra tombale sull'amministrazione Bassetta. In considerazione della firma del decreto di scioglimento della civica assise, si andrà al voto in una data compresa fra i prossimi mesi di maggio e giugno. Atto, la firma di Mattarella, che era attesa proprio entro il 24 febbraio, al fine di consentire il voto a primavera. In caso contrario, se la firma fosse arrivata dopo tale giorno, si sarebbe andati al voto il prossimo anno con tutti i problemi connessi ad una fase di commissariamento, già iniziata, che si sarebbe protratta per tanti, troppi mesi.