Per circa un anno ha approfittato dell'infatuazione che una donna disabile aveva verso di lui estrorcendole denaro.  E' accaduto a Cassino dove i militari del Norm hanno bloccato M.D. 44enne pluripregiudicato per reati in materia di stupefacenti, furto, rapina, lesioni ed altro, grazie all'intervento di un parente della vittima. Stando a quanto ricostruito dai militari, l'uomo avrebbe estorto alla disabile, residente nel suo stesso palazzo, una banconota da dieci euro, facendole credere di essere stato minacciato e picchiato da un ipotetico gruppo di creditori. Per rendere credibile la sua versione, il 44enne si sarebbe anche auto lesionato, procurandosi ferite al volto con un oggetto tagliente. La donna, impaurita, si è a quel punto rivolta alla madre, riferendole di essere stata minacciata di morte dall'uomo qualora non gli avesse consegnato il denaro. La madre della disabile per timore ha, così, consegnato 10 euro alla figlia che si è recata presso l'abitazione del 44enne per la consegna. Solo grazie al tempestivo intervento di un parente della donna, che ha allertato i carabinieri, il pregiudicato è stato arrestato in flagranza di reato con l'accusa di estorsione. Dopo le formalità di rito l'uomo è stato tradotto, in regime di arresti domiciliari, presso la sua abitazione, così come disposto dall'A.G. competente. I successivi accertamenti hanno permesso di accertare che M.D. avrebbe più volte approfittato della citata infatuazione della disabile riuscendo a sottrarle, con banali scuse, piccole somme di denaro che la donna prelevava, a volte, dal borsellino della madre oppure non restituendo il resto della spesa che quotidianamente effettuava.