La pistola fumante, nel senso del coltello, ancora non c'è, ma si indaga su di lui. Dopo l'arresto di domenica di Gianfranco Pompili, 25 anni, di Frosinone, fermato per una tentata rapina e una consumata ai danni di altrettante vecchiette di via Portogallo, la questura sta mettendo insieme tutti gli elementi delle ultime rapine. Soprattutto quelle messe a segno da un bandito solitario, armato di coltello, che, nel giro di poche settimane, ha rapinato due tabaccherie, una in via Verdi, la seconda in via Marittima, e, sabato sera, il Caffè Vivaldi. E tra gli elementi di prova si cerca appunto il coltello. L'uomo è stato bloccato dalla polizia con l'accusa di aver cercato di entrare in un'abitazione di via Portogallo e, subito dopo, di aver terrorizzato e rapinato un'anziana, strappandole l'orecchino di dosso. La squadra mobile, che indagava sulle rapine, e le volanti lo hanno bloccato poco dopo. L'uomo, forse contando sull'impiego delle forze di polizia per la sicurezza nel corso di Frosinone-Ascoli, pensava di poter agire indisturbato. Grazie anche ad alcune testimonianze e al racconto delle vittime l'uomo è stato individuato e bloccato non distante. Al momento dell'arresto - hanno notato con un certo disappunto dalla questura - l'uomo ha ricevuto la solidarietà di più di qualcuno. Solidarietà che ha lasciato di stucco gli agenti, considerando che si stava procedendo per una rapina ai danni di un'anziana sola in casa. Ora i poliziotti, coordinati dal sostituto procuratore Barbara Trotta, stanno rianalizzando gli elementi delle altre rapine, soprattutto quelle alle tabaccherie e al bar. Il modus operandi sembra essere lo stesso, una persona sola che agisce in posti un po' isolati. Per cui si cercano elementi concreti in modo da poter contestare al fermato anche altri episodi oltre a quelli di domenica. E, da questo punto di vista, le immagini della videosorveglianza potrebbero esser molto utili.
Intanto, Pompili, che è difeso dall'avvocato Tony Ceccarelli, sarà interrogato domani in carcere dal gip del tribunale di Frosinone Ida Logoluso per la convalida dell'arresto. In quella sede si vedrà come l'uomo vorrà difendersi.