Con l'operazione convenzionalmente denominata "DUST OF DEATH" i Carabinieri della Compagnia di Cassino,  nelle prime ore della mattinata odierna, hanno eseguito otto ordinanze di custodia cautelare in carcere ed ai domiciliari - emesse dal GIP del Tribunale di Cassino – Dott. Salvatore Scalera e richieste dal Pubblico Ministero Dott.ssa Chiara D'Orefice, nei confronti di altrettante persone accusate a vario titolo ed in concorso fra loro di un radicato ed esteso traffico di sostanze stupefacenti del tipo eroina e cocaina.

Persone sottoposte a custodia cautelare in carcere:
1.    IZZI Antonio, 51enne di Cassino, già censito per reati in materia di stupefacenti e furto. Associato al carcere di Cassino;
2.    CURIOSO Carmine, 40enne di Cassino, già censito per reati in materia di stupefacenti, associato al carcere di Cassino;
3.    PENSATI Luigi, 42enne di Cervaro, già censito per reati in materia di stupefacenti, resistenza a P.U. ed altro, al momento detenuto presso il carcere di Cassino;
4.    IOVINE Patrizia, 42enne di Cervaro, già censita per reati in materia di stupefacenti, al momento detenuta presso il casa circondariale di Roma Rebibbia Femminile;    
5.    SPADA Ottavio, 39enne di Cassino, già censito per reati in materia di stupefacenti, favoreggiamento, maltrattamenti in famiglia, ricettazione, insolvenza fraudolenta ed altro, associato al carcere di Cassino;
6.    PELUSO Gennaro, 43enne di Napoli, già censito per reati in materia di stupefacenti, violenza e minacce a P.U. resistenza, ricettazione, rapina ed altro, porto abusivo di armi  evasione ed altro, associato al carcere di Napoli Poggioreale;

Persone sottoposte alla misura degli arresti domiciliari: 
7.    SAUCHELLI Virginia, 41enne di Cassino, già censita per reati in materia di stupefacenti, furto aggravato e furto con destrezza, spendita monete false ed altro, sottoposta agli arresti domiciliari, sottoposta agli arresti domiciliari presso l'abitazione di residenza;
8.    CASABURI Nunzia, 38enne di Napoli, già censita per reati in materia di stupefacenti, sottoposta agli arresti domiciliari presso l'abitazione di residenza.
L'indagine traeva origine dagli accertamenti svolti in merito alla morte, collegata all'utilizzo di sostanze stupefacenti del tipo eroina,  di MARSELLA Santino Antonio, dai quali emersero  indizi di colpevolezza a carico dell'indagato IZZI Antonio, noto spacciatore del luogo, in merito alla cessione di alcune dosi di eroina, parte delle quali rinvenute sul luogo del ritrovamento del cadavere (Cassino 25.11.2015 presso attività ricettiva "TOSELLI House").

Sulla base degli elementi raccolti vennero attivate una serie di operazione di captazione, integrate da servizi di O.C.P. e numerosi sequestri penali e amministrativi, che evidenziarono una fluente attività di spaccio, condotta ed organizzata da una coppia di origine campana stanziatasi da qualche anno nell'hinterland Cassinate, la quale per la commercializzazione al dettaglio si avvaleva di diversi spacciatori locali, mentre per l'approvvigionamento delle sostanze stupefacenti faceva capo a rifornitori operanti sia sul litorale domizio sia sulla piazza di spaccio di Napoli Secondigliano. Si riporta uno schema semplificativo che evidenza  la struttura organizzativa del gruppo.
Nel corso dell'indagine affiorava,  fin da subito,  la scaltrezza  delinquenziale degli indagati atta ad eludere eventuali attività investigative a loro carico, infatti non solo ricorrevano all'utilizzo di linguaggio criptico e/o di  copertura nelle conversazioni telefoniche,  ma  erano soliti:
- utilizzare  social network,  quali WhatsApp  e/o Facebook,  per impedire di tracciare sia le comunicazioni tra loro che quelle con i loro clienti;
-   utilizzare schede telefoniche intestate a terze persone,  in modo da impedire una loro rapida identificazione, come accertato per IZZI Antonio, ed utilizzata per tenere,  in via esclusiva,  contatti con i soli clienti e/o complici;  oppure altra utenza intestata a cittadino pakistano ed in uso a PELUSO Gennaro;
-  provvedere a cambiare schede telefoniche utilizzate ogni qual volta incappavano,  sia loro stessi che i loro complici impiegati nella vendita delle sostanze stupefacenti, in controlli delle Forze di Polizia;
-  ricorrere all'utilizzo di più schede telefoniche intestate ad un solo indagato per comunicare tra loro, in modo da ostacolare eventuali collegamenti tra i vari complici, come tre sim intestate a IOVINE Patrizia però utilizzate una dal ex marito PENSATI Luigi, una dalla stessa IOVINE Patrizia ed una da SPADA Ottavio detto Nino.
L'attività investigativa, durata circa tre mesi, permetteva di arrestare in flagranza di reato due pusher locali, di denunciare in stato di libertà altre quattro persone per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio, di segnalare alla Prefettura di Frosinone tre assuntori di eroina, e di sottoporre a sequestro circa 150 grammi di eroina, 100 ml di metadone, vari bilancini di precisione,  sostanze da taglio e materiale per confezionamento.

Ulteriori riscontri a carico dei vari indagati  sono stati acquisiti:
- dalle dichiarazioni rese da diversi acquirenti di eroina;
- dalle dichiarazioni, senza indicare i nomi, rese dal pusher C.A. nel corso dell'udienza di convalida  del suo arresto, davanti al GIP  dr.  Lanna,  che evidenziano in maniera chiara il modus-operandi adottato dal trio P.L.-I.P. e S.O. ed anche la loro supremazia criminale atta ad incutere timore sui restanti complici e/o semplici acquirenti.
Espletate le formalità di rito, i soggetti residenti a Cassino, sono stati associati presso la locale casa circondariale ad eccezione di SAUCHELLI Virginia, sottoposta agli arresti domiciliari in Cassino; PELUSO Gennaro, veniva ristretto presso il carcere di Poggioreale di Napoli mentre la sua consorte CASABURI Nunzia veniva sottoposta agli arresti domiciliari presso l'abitazione di residenza.
La misura cautelare nei confronti di IOVINE Patrizia veniva eseguita presso la Casa circondariale di Roma Rebibbia Femminile ove già era detenuta.

LA STRUTTURA PIRAMIDALE
PERSONE DEDITE ALLA FORNITURA DI COSPICUI QUANTITATIVI DI SOSTANZE STUPEFACENTI
: CASABURI Nunzia classe 1979 E PELUSO Gennaro classe 1975;
PERSONE DEDITE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE ALL'INGROSSO DI SOSTANZE STUPEFACENTI: SPADA Ottavio classe 1978; CURIOSO Carmine classe 1977; IOVENE Patrizia classe 1975 e PENSATI Luigi classe 1975; 
PERSONE DEDITE ALLO SPACCIO DELLE SOSTANZE STUPEFACENTI: IZZI Antonio classe 1966 e SAUCHELLI Virginia classe 1977.

VEDI IL VIDEO CON I DETTAGLI: Il capitano Mastromanno illustra i particolari dell'operazione

Sono i clienti uno degli elementi chiave della vicenda. Ogni volta che i carabinieri li fermavano, dopo un minimo rifornimento, fornivano, direttamente o indirettamente, elementi chiave per risalire agli organizzatori della rete di spaccio. Così la mirabile operazione portata avanti dai militari ha permesso di identificare i soggetti che tenevano le fila dello spaccio a Cassino - con ruoli evidentemente diversi - per rifornire la vastissima piazza della zona. Fondamentale, in questa operazione partita nel 2015 dopo il decesso di un giovane, la ricostruzione dei collegamenti con il Napoletano per i rifornimenti. In questo momento gli arrestati (sei di Cassino e due Campani) sono stati trasferiti in carcere.
Ecco i loro nomi (si tratta di sei uomini e due donne, tutti italiani a parte alcuni rom): Virginia Sauchella, Patrizia Iovine, Carmine Curioso, Ottavio Spada, Luigi Pensanti, Antonio Izzi (ad essi vanno aggiunti anche due campani).
Tutti i dettagli dell'operazione in una conferenza stampa che si svolgerà a breve.

Una maxi operazione anti-droga da parte dei carabinieri della città martire e di Secondigliano che hanno eseguito otto ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal Gip del tribunale di Cassino: i soggetti, sei di Cassino, sono ritenuti responsabili di spaccio di sostanze stupefacenti. Diverse le zone del centro urbano interessante prima dell'alba.

L'attività di indagine avviata a seguito del decesso di un tossicodipendente di Cassino morto per overdose nel 2015 ha consentito di portare alla luce, grazie ad attività tecnica e attraverso una sequela di sequestri amministrativi di droga e dalle testimonianze di diversi acquirenti, una fiorente attività di spaccio svolta senza soluzione di continuità dal sodalizio che aveva "allestito" nel cassinate una piazza di spaccio che si approvvigionava dello stupefacente in Napoli e Castel Volturno