In meno di un'ora arrestati tre rapinatori grazie all'intervento in sinergia della polizia di Stato. Si avvicinano alle casse di un supermercato, armati di pistola, scappano con 1200 euro in tasca e poi vengono blocati dalle forze dell'ordine. Si tratta di tre napoletani di età compresa tra i 28 e i 42 anni, appartenenti alla stessa famiglia.
Rapina a mano armata ieri mattina su viale San Domenico. Minuti di paura all'interno di uno dei Conad presenti in città. Erano da poco passate le 13 quando due banditi a volto scoperto sono entrati nell'ipermercato. «Uno dei due si è avvicinato al cassiere parlandogli all'orecchio - racconta una donna che stava facendo la spesa proprio all'orario del colpo - Mio marito mi aspettava fuori in macchina e ha visto a bordo di una Yaris Toyota grigia, il terzo malvivente che faceva da palo. Uno dei due ladri ha estratto una pistola, abbiamo temuto il peggio, tante le urla - ha continuato la donna - Istintivamente mi sono abbassata per paura di eventuali colpi».
Tempestivo però è stato l'intervento delle pattuglie della Polizia di Stato immediatamente allertate dalla sala operativa della Questura di Frosinone, dopo la segnalazione giunta sulla linea di emergenza del commissariato di Sora.
Immediatamente sono stati intensificati i servizi di vigilanza sulle principali vie di fuga. In prossimità del casello A/1 di Ferentino, gli agenti della sottosezione della polizia stradale di Frosinone hanno intercettato la Yaris ricercata, con i tre uomini a bordo. Nel frattempo uno dei tre ha lanciato dal finestrino dell'utilitaria la pistola, ma l'azione non è passata inosservata all'occhio vigile dei poliziotti. L'arma è stata recuperata e sequestrata. I tre sono stati arrestati e posti a disposizione dell'autorità giudiziaria. Nel collegio difensivo figura anche l'avvocato Marco Maietta di Frosinone. «Il coordinamento voluto dal neo questore dottoressa Rosaria Amato ha portato i suoi frutti. Ha funzionato la macchina», ha commentato il segretario generale Norberto Scala della Uil Polizia.