Una dimenticanza o c'è dell'altro? E' stata lasciata per sbaglio da uno dei tanti frequentatori che "alloggia" su quelle panchine a due passi dall'ingresso del Tribunale di Cassino o quel trolley nero ha un altro significato? Quello che è certo è che era priva di contenuto. A una prima verifica da parte dei carabinieri e degli artificieri quell'involucro non nascondeva nulla ed è possibile immaginare che si sia trattato di una banale dimenticanza. Ma, intanto, la valigia è stata portata via dai militari agli ordini del capitano Ivan Mastromanno (presente sul posto), domani potrebbero essere svolti ulteriori accertamenti per sondare tutte le piste possibili, compresa quella dell'intimidazione all'indomani della riapertura del Tribunale, magari in relazione a qualche udienza in programma domani mattina e particolarmente "calda".
Tanti i curiosi che si sono radunati, a una distanza di assoluta sicurezza, circoscritta dai vigili del fuoco, per vedere dal vivo quanto stava accadendo. Al "tre, due, uno", si è ascoltato un gran botto ma nessuna deflagrazione conseguente a quella carica studiata per casi simili. Già questo aveva scongiurato il rischio-bomba.

Valigia sospetta sulle panchine di fronte all'ingresso del tribunale di piazza Labriola. Sul posto i carabinieri e il capitano Ivan Mastromanno, i vigili del fuoco e gli artificieri da Roma. Delicate le operazione per far esplodere la valigia. Abbassate le serrande dei bar per precauzione. Poco fa la valigia è stata quindi fatta esplodere. Fortunatamente era vuota. Un episodio davvero inquietante.

di: K.V.