Cocaina in cambio di un rifornimento di gpl. Nuovi guai in vista, e sempre per droga, per Franco Castagnacci. L'uomo, attualmente detenuto con l'accusa di aver avuto un ruolo attivo nell'omicidio di Emanuele Morganti, a maggio dovrà comparire davanti al gup del tribunale di Frosinone. Castagnacci, 50 anni, in quella sede sarà in compagnia di Giorgio Boezi, 38. Entrambi di Alatri sono sotto processo, anche in questo caso per spaccio davanti al gup del tribunale di Frosinone, con il rito abbreviato, così come richiesto nell'udienza del 1° dicembre scorso.
Gli episodi contestati sono successivi all'omicidio del ventenne di Tecchiena. I carabinieri, indagando su quel fronte, misero sotto controllo una serie di persone, tra cui Franco, il cui figlio Mario, insieme a Paolo Palmisani, è stato il primo ad essere arrestato con l'accusa di omicidio. Proprio seguendo alcuni personaggi sospettati di aver avuto un ruolo nel pestaggio di Emanuele, i carabinieri finirono con l'aprire un altro filone per lo spaccio di droga. E in questo è finito appunto Franco Castagnacci, che, infatti, è stato arrestato prima per droga e solo in un secondo tempo anche per il delitto di piazza Regina Margherita. Anzi, a proposito dell'inchiesta per l'omicidio Morganti, il Riesame di recente ha comunicato la decisione di aver respinto il ricorso contro l'annullamento dell'ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di Franco.
A fine luglio allo stesso, che era già agli arresti domiciliari dal 1° giugno perché fermato con 15 grammi di cocaina, gli era stato notificato un ordine di custodia cautelare. Per questo fatto è già a giudizio con l'abbreviato, mentre per un episodio precedente, risalente, al 25 maggio, Castagnacci e Boezi sono rifiniti nei guai. Secondo le accuse, all'addetto di un distributore di carburanti avrebbero proposto uno scambio, cocaina in cambio del pieno di gpl. Per un rifornimento di dieci euro all'addetto alle pompe Castagnacci avrebbe offerto 0,1 grammi di cocaina. A maggio i due saranno difesi dall'avvocato Marilena Colagiacomo.