Una riunione programmatica per decidere i prossimi sopralluoghi sulla Cassino-Sora e dettare i tempi della riapertura di un'arteria fondamentale. I lavori, come reso noto ieri sera, sono stati affidati all'Astral per la bonifica. Dopo il sopralluogo che si terrà con geologi, personale Astral e tecnici, se tutto dovesse andare come previsto, potrebbe essere decisa la riapertura di una corsia a senso alternato: una possibilità importante per tutto il territorio.
«Sono soddisfatto della celerità con cui la Regione è intervenuta. Debbo ringraziare la Regione per la ricerca di fondi con somma urgenza e per l'interessamento dell'assessorato alle Infrastrutture» ha dichiarato il sindaco Cuozzo che ha ribadito: «La sicurezza resta sempre al primo posto, la nostra priorità». La riunione ha avuto luogo lunedì a Sant'Elia con la partecipazione, oltre al sindaco e al vicesindaco, anche dei primi cittadini di Belmonte Castello, Picinisco, Cassino; un rappresentante del Comune di Atina, la polizia stradale e provinciale con il comandante Cerilli, l'Astral, la polizia locale di Sant'Elia e i tecnici della Provincia. «Questa Amministrazione ha agito tempestivamente già nel corso della giornata in cui si è verificato l'evento della caduta massi allertando tutti gli Enti preposti» hanno fatto sapere dal Comune.
Quindi la Giunta regionale ha dato, ufficialmente, mandato all'Astral di agire «mettendo in essere tutte le misure necessarie alla risoluzione della problematica. Infatti, come primo atto, ci sarà attraverso l'ausilio di una squadra di rocciatori, la verifica sul costone che interessa il nostro Comune - ha continuato il sindaco - Ciò avverrà presumibilmente nel corso di questa settimana. Tale verifica permetterà di capire il grado di sicurezza del costone adiacente il tratto di strada interessato o se possibile procedere con la riapertura parziale dello stesso. Questo servirà anche per quantificare i lavori che saranno comunque eseguiti per mettere in sicurezza tutto il versante della montagna e non solo il costone interessato dalla caduta massi. Sarà premura dell'Astral, Polstrada e Provincia potenziare la segnaletica e mettere in atto interventi finalizzati al rispetto del divieto di transito dei mezzi pesanti sulla strada Belmonte-Olivella-Cassino. Quest'ultimo aspetto, quale conseguenza del disagio che attualmente i cittadini di Sant'Elia e più nello specifico i residenti della frazione Olivella, stanno subendo a causa del traffico che si riversa sulla strada provinciale alternativa. I sindaci hanno investito il prefetto anche di quest'ultima problematica che sta mettendo in pericolo la sicurezza pubblica, così come rimarcato nel corso del tavolo tecnico di ieri. È premura di tutti gli Enti interessati lavorare in sinergia».