Quando gli hanno chiesto il biglietto è iniziata una discussione che ha subito preso una brutta piega ed è diventata animata e lui ha reagito. Spintoni e poi anche alcuni pugni, senza esclusioni di colpi ai due controllori: un uomo di 48 anni e una donna di 41 anni. Ma non è finita qui, ha preso di mira anche l'autista del mezzo un 61enne originario d'Alatri e che ha ricevuto qualche spintone. È successo ieri pomeriggio poco dopo le 15 sull'autobus del Cotral che da San Felice Circeo era diretto a Roma Laurentina, lungo la Litoranea, poco prima di Borgo Grappa. Un viaggiatore, si tratta di un uomo italiano senza fissa dimora e che non aveva timbrato il biglietto, ha dato in escandescenza. I controllori che sono saliti sul mezzo gli hanno chiesto il titolo di viaggio e lui ha risposto con spintoni e anche alcuni pugni. La scena si è consumata davanti a diversi viaggiatori che sono rimasti sotto choc per l'accaduto e subito è scattato l'allarme ai carabinieri.
Il mezzo è stato fermato e sono intervenuti i militari della stazione di Borgo Grappa per identificare l'uomo.
Itreferiti sonostatisoccorsidal personale del 118 della Croce Azzurra diSabaudia, ilcontrollore di 48 anni ha ricevuto una raffica di pugni in testa e poi è stato spinto e hasbattutocontro lospigolodiun sedile, si è accasciato a terra lamentando un fortedolore alla spina dorsale ed è stato portato in ospedalealGoretti diLatinaincodice giallo, come la collega che ha ricevuto schiaffi e pugni in testa mentre ha rifiutato il trasporto al Goretti l'autista del mezzo che è rimasto molto spaventato.
Non mancano le reazioni all'episodio di violenza avvenuto ieri pomeriggio. Ad intervenire sono invertici del Cotral in una nota ufficiale e che esprimono vicinanza e solidarietà ai controllori aggrediti mentre facevano il proprio lavoro.
Il viaggiatore è stato fermato dai carabinieri, rischia una denuncia per lesioni, minacce e poi anche per interruzione di pubblico servizio