Un incidente si è verificato ieri mattina all'interno dello stabilimento Fca di Piedimonte San Germano. Inizialmente, dalle prime notizie trapelate dall'interno della fabbrica, sembrava si trattasse di un incidente frontale tra due carrellisti. Poi, nel tardo pomeriggio di ieri, è giunta la versione ufficiale di uno dei feriti coinvolti. Nella sostanza dei fatti un mezzo di una ditta esterna, probabilmente per problemi al sistema di sterzo ha urtato lateralmente la navetta interna per il trasporto del mobiletto centrale e a catena un ulteriore urto con una navetta per il trasporto serbatoi. Non si tratta dunque di uno scontro frontale: bensì, nei pressi del cosiddetto capannone vuoti, per cause ancora da chiarire (probabilmente per qualche malfunzionamento del mezzo) la navetta nella manovra ha coinvolto uno dei due operai Fca per il quale si sono rese necessarie le cure nella sala medica dello stabilimento, ma non il trasferimento all'ospedale Santa Scolastica., così come era trapelato inizialmente. Si tratta del primo incidente del 2018 in fabbrica, ma i cancelli hanno riaperto soltanto lunedì e nel 2017 è stata lunga la scia di sinistri dentro la fabbrica: per questo motivo i delegati alla sicurezza richiamano ancora una volta la dirigenza aziendale chiedendo maggiori tutele per la sicurezza dei lavoratori. Le reazioni dei sindacati «Adesso basta, serve più sicurezza in fabbrica», alzano la voce i responsabili della sicurezza sul lavoro facendo appello all'azienda affinché non si verifichino più tali episodi. «L'incidente di ieri mattina spiega De Filippis della Fiom poteva avere conseguenze ben più gravi». A rassicurare tutti è stata invece l'azienda, che poco dopo l'accaduto ha comunicato: «Dagli accertamenti sanitari effettuati in sala medica, non risultano lesioni da parte dei conducenti delle navette»