La chiesa era stracolma, tutta la comunità di Castrocielo si è fermata per l'ultimo abbraccio ad Antonio Raso. L'uomo è morto mercoledì, due giorni dopo essere caduto da una scala davanti al bar di famiglia. Ieri, nel giorno del suo sessantasettesimo compleanno, si sono svolti i suoi funerali nella chiesa di Santa Lucia. Tutti hanno abbracciato nel dolore le famiglie Raso e Pellegrini. «Non contano gli anni vissuti ma come si vive la vita», le parole di Don Natalino che ha ricordato la figura di Antonio quale esempio di semplicità, affabilità e mitezza. «Il suo ricordo ci sollecita a lasciare negli altri un'impronta positiva. Dobbiamo custodire il ricordo di una persona mite, affabile e silenziosa che ha vissuto in punta di piedi.