Sono finiti nella scarpata dopo un impatto violentissimo registrato lungo la statale Trignina, in territorio molisano.
Due morti e due feriti gravi, tra cui anche un cassinate di 52 anni che è stato ricoverato in condizioni gravi all'ospedale di Isernia: un bilancio pesantissimo, quello dello schianto registrato tra gli svincoli di Castelguidone e Trivento, in cui sono finiti quattro mezzi. Da una prima ricostruzione dei fatti sembrerebbe che oltre al tir  - su cui dalla prima ricostruzione dei fatti si trovava il camionista originario di Cassino, A.l.M. - siano stati coinvolti un'auto, una Fiat Multipla, e altri due furgoni che trasportavano luminarie.
Dai primi accertamenti, ancora in corso, le vittime sarebbero di Crecchio, un Comune in provincia di Chieti: sono un trentunenne e un cinquantunenne dipendenti di una ditta di luminarie abruzzese. Il padre del ragazzo - anch'egli dipendente della stessa ditta - è ricoverato a Vasto,  in condizioni disperate. 
Alla guida del tir il cinquantaduenne di Cassino che viaggiava in direzione Isernia e che è stato trasportato al Veneziale in codice rosso. 
Per rimuovere il mezzo pesante è stato necessario far intervenire una gru. La dinamica, ancora da accertare, è ancora al vaglio dei carabinieri di Trivento e Boiano.