Un impegno costante e concreto, quello dei volontari della Protezione civile del Comune di Frosinone. Sono quasi quarantacinque le unità a disposizione del disaster manager Ruggero Marazzi e anche nello scorso anno sono state numerose le attività svolte. È stato da poco diffuso il monte ore di servizio delle persone che nel corso del 2017 hanno contribuito alla svolgimento delle azioni promosse dell'ente. In totale, i volontari hanno accumulato ben 5.920,10 ore di attività. Alcuni degli addetti hanno raggiunto valori ragguardevoli. Il primo tra questi ne ha sommate 1.000.
L'ultimo della lista 4, ma in quanto nuovo membro dell'organizzazione. Il calcolo è stato fatto solo sui 28 che hanno svolto attività sul campo (sono stati esclusi, invece, quelli che hanno fatto operazioni di magazzinaggio e simili, poiché in genere molto numerose, ma di natura diversa). Entro fine mese la Protezione civile di Frosinone organizzerà una premiazione per i dieci volontari più attivi. L'evento mira a riconoscere e valorizzare l'impegno profuso sul territorio, non solo della provincia, ma di tutto il Lazio. Basti pensare, ad esempio, ai diversi interventi realizzati nelle zone colpite dal sisma di Amatrice del 24 agosto 2016. L'attività è proseguita anche nel corso dell'anno successivo. «Le ore di attività comprendono tutto, i servizi, gli interventi, la formazione, la manutenzione dei mezzi e delle attrezzature ha spiegato il responsabile Ruggero Marazzi Quest'anno è proseguito il lavoro su Amatrice e si è protratto per circa un paio di mesi per l'assistenza alla popolazione. Abbiamo svolto diversi servizi per quanto riguarda i preallarmi, interventi per il maltempo, numerose attività per il contrasto agli incendi boschivi di quest'estate, un paio di ricerche dispersi e poi servizi di sicurezza per eventi e manifestazioni pubbliche. I volontari della Protezione civile sono liberi di impegnarsi in attività o meno, l'unica cosa che chiediamo è la reperibilità una settimana prima per motivi organizzativi. Senza la disponibilità e l'impegno di queste persone il nostro ente non potrebbe esistere». Tanti gli appuntamenti e i momenti che hanno scandito l'anno della Protezione civile. Durante tutto l'anno è sempre attivo, inoltre, il centro meteorologico gestito da Maurizio Cruciani, che durante l'estate ha permesso di monitorare l'andamento delle temperature. Il corpo è composto da persone che nella vita svolgono impieghi diversi. Ci sono diversi studenti universitari, numerosi liberi professionisti, dipendenti pubblici e privati, nonché assistenti sanitari. Discreta è anche la presenza femminile, benché l'organizzazione sia composta in prevalenza da uomini. Quello del Comune di Frosinone è un gruppo che negli anni ha dimostrato di saper fronteggiare sfide di diversa natura e non farsi trovare impreparato all'occorrenza.