Un Natale amaro per un bambino e la sua mamma. Il ragazzo, con genitori separati e affetto da disabilità, ha trascorso come di consueto alcuni giorni nel fine settimana con suo padre.
Quando è tornato a casa la sua mamma ha notato che c'era qualcosa che non andava, ma non ha dato peso eccessivo all'atteggiamento del ragazzino. Poi è riuscita a parlare con il figlio che sembrerebbe averle raccontato di aver ricevuto uno schiaffo dal papà che aveva perso la pazienza a causa della distrazione del ragazzo. La donna non ci ha pensato due volte e si è recata dai carabinieri per sporgere denuncia. Il figlio non ha riportato danni visibili, ferite o escoriazioni, ma quello schiaffo ha lasciato nell'inconscio di un ragazzo affetto dalla sua patologia un segno forse più profondo di una ferita. Il padre è stato denunciato per percosse, ora si porteranno avanti indagini accurate per capire bene cosa sia successo. Purtroppo il ragazzo è piccolo per poter essere ascoltato, inoltre ha anche delle difficoltà espressive. Ovviamente sarà proprio lui ad essere tutelato e protetto nella maniera più attenta dagli inquirenti e dai familiari. A volte un momento di rabbia, un genitore perde la pazienza e alza la voce o vola uno schiaffo. Un gesto che già da tempo non è più considerato accettabile ma che, in questo caso, è sicuramente aggravato dallo stato di disabilità della vittima. Un padre dovrebbe essere il primo a proteggere i figli e a insegnare loro cosa è giusto fare e cosa è sbagliato. Spetterà agli inquirenti ricostruire i fatti accaduti, per ora l'uomo è stato denunciato.