I carabinieri di Pico hanno denunciato all'autorità giudiziaria di Cassino un 44enne frusinate, già censito per reati contro il patrimonio e la persona, per "furto, minaccia, violenza privata e mancata esecuzione dolosa di un provvedimento del Giudice". Dagli accertamenti effettuati è emerso che l'indagato, sottraendosi all'adempimento degli obblighi come da sentenza emessa dal Tribunale di Cassino nel 2015, con reiterate minacce, si è impossessato di terreni di altrui proprietà, confinanti con il proprio, adibendoli a pascoli di bestiame e per impedire l'accesso ai legittimi proprietari ha costruito abusivamente delle recinzioni ed un pozzo d'acqua, per far abbeverare il bestiame.