Mano pesante per qualcuno che ha sfidato gli eccessi. Tre in totale i feriti che sono dovuti ricorrere alle cure dell'ospedale Santa Scolastica di Cassino. Tutti minorenni. Due di Cassino arrivati al Pronto Soccorso di via San Pasquale con lievi ustioni alle mani per via dell'esplosione di botti in piazza Labriola. Per loro, pochi giorni di prognosi. Una quindicina, invece, quelli assegnati a un bambino di Casalvieri che ha dovuto raggiungere il nosocomio cassinate per via di una piccola ferita alla nuca provocata da una stellina accesa da un altro piccolo. Un incidente che, superata la paura, si è risolto al meglio. Per il resto, la festa ha avuto il sopravvento e non si sono registrati grossi problemi. Eccezion fatta per un'altra piccola ustione che ha riguardato una ragazza colpita da un botto, brillantemente risolta grazie all'intervento di un medico presente in un bar.
Festa e sporcizia
Il centro di Cassino, scoccata la mezzanotte, è diventato uno "spettacolo pirotecnico", con botti a ripetizione che hanno rallegrato tutti ma pure tolto il sonno a chi aveva già abbassato i calici. Esplosioni continue per salutare l'anno vecchio e tuffarsi nel 2018 con grande caparbietà. Un po' troppa in piazza, dove qualcuno ha continuato a tenere il volume della musica troppo alto. Talmente vigorose quelle note che la polizia di Stato, impegnata in pattugliamenti e controlli fino all'alba, è dovuta intervenire. Pronta una multa pesantissima per un bar dopo le due. Per il resto, sporcizia a parte lungo le strade, tanta allegria e qualche lite in famiglia. Probabilmente gli eccessi alcolici hanno condito una serata dove tutto sembrava lecito!