Oltre al danno la beffa. È quanto deve aver pensato il frusinate che, dopo aver denunciato un furto subito in casa, si è trovato a propria volta denunciato. Il protagonista della vicenda, infatti, è stato derubato tra le varie cose anche della pistola che custodiva in un cassetto. Un luogo non deputato alla custodia delle armi, ragion per cui gli agenti delle volanti gli hanno contestato la violazione delle norme per la detenzione delle armi. Da qui la denuncia per omessa custodia dell'arma.
Durante questo periodo è proseguita intensa l'attività della squadra volante, diretta dal commissario capo Flavio Genovesi, impegnata quotidianamente nella prevenzione e repressione dei reati. Nel mirino soprattutto in questo periodo di festività, le persone sottoposte agli arresti domiciliari ed alla sorveglianza speciale.
In uno di questi controlli è incappato, nella parte bassa del capoluogo, un 43enne con a carico l'obbligo di restare presso la propria dimora dalle 19 alle 7. Di fronte agli agenti le giustificazioni dell'uomo, essere uscito per acquistare le sigarette, non sono valse a molto tanto che è stato denunciato per non aver rispettato la disposizione.