Scavalca la recinzione ed entra nel centro Serapide per rubare gli infissi. Beccato dalle forze dell'ordine l'uomo di nazionalità straniera, che ieri pomeriggio ha tentato il colpo nell'area dell'ex fabbrica Tomassi. I carabinieri lo hanno arrestato: il progetto del ladro era di portar via le finestre, sicuro di farla franca visto lo stato di abbandono in cui versa l'area. Da anni l'ex Tomassi rappresenta una parte buia della città, una terra di nessuno, il cui futuro è fermo in mano alla burocrazia. Tra documenti, tribunali e udienze il "mostro" continua a rappresentare il degrado della città volsca. Purtroppo non esiste alcuna forma di controllo nel perimetro del centro Serapide, posto sotto sequestro e preso spesso di mira dai delinquenti. Il primo cittadino per assicurare l'igiene pubblica ha per ben due volte, quest'anno, emanato un'ordinanza indicando alla società Ambiente surl di effettuare la pulizia lungo la recinzione del fabbricato. L'architetto Roberto De Donatis ha ipotizzato la realizzazione di una cittadella della scuola, per 900 studenti con la nascita di servizi ricreativi. Insomma le idee ci sono, i contatti tra Regione e Mit anche, quello che non è dato conoscere sono i tempi necessari per realizzare un progetto che dovrebbe rilanciare un quartiere che aspetta da anni di risorgere.