Un ponte di Natale e Santo Stefano tra furti in casa e nuovi atti vandalici. Non c'è pace per il centro storico, nemmeno alla fine di questo non facile anno 2017. Dopo il furto nella zona di Sant'Anna, giorni fa, questa volta a Natale sono state prese di mira altre due abitazioni nel rione Piagge. In un caso i ladri sono riusciti ad entrare mentre l'anziana proprietaria dormiva, nel secondo hanno scassinato la porta di una coppia al momento fuori. Anche in questo caso la tecnica è quella di sempre.
I ladri controllano quando escono i proprietari e poi in pochi minuti commettono il reato. Una dinamica praticamente impossibile da poter controllare da parte delle forze dell'ordine.
Episodi che in questa ultima settimana si sono verificati anche in periferia. In merito, invece, agli atti vandalici va registrato un nuovo raid nella zona del Parco della Rimembranza e lungo le aiuole di viale Duca d'Aosta, a ridosso di piazza Santa Maria Maggiore. Sradicati tutti i cassonetti nel parco e i fiori piantati nelle aiuole, risistemate da alcuni cittadini.
Forte lo sdegno per queste azioni, purtroppo non le prime, che stanno accadendo in città e che poi ricadono sull'intera collettività. Il vandalismo, soprattutto giovanile, è ormai una piaga. Basti pensare alle scritte sull'area dell'Acropoli, episodio che ha scatenato fortissime proteste. Ma anche questi ultimi episodi vanno condannati nella speranza che i responsabili, se scoperti vengano puniti, almeno nel ripristinare i danni causati.