Volantini-denuncia contro lo spaccio. A firmarlo un gruppo di genitori coraggiosi, esasperati da una situazione diventata, a loro dire, insostenibile. Tutti sanno ma nessuno parla. Ieri mattina, Casamari (Veroli) si è svegliata tappezzata di volantini, lasciati da ignoti, che riportano una forte denuncia. <Siamo genitori – si legge nel manifestino- e vedere i nostri figli distruggersi per sostanze stupefacenti non è più tollerabile>. Un italiano non proprio perfetto nella forma ma ugualmente chiaro nel contenuto. Ed è il messaggio quello che conta: il tentativo disperato di chi vuole risvegliare le coscienze anche delle Istituzioni. Si denuncia lo spaccio anche a minorenni, inaccettabile. <Siamo un piccolissimo gruppo di genitori –continua- che sta cercando di tutelarsi. Abbiamo già fatto esposti alla Procura e ai carabinieri, rimanendo nell'anonimato. Quindi chiunque legge questo annuncio può denunciare, restando anonimo perché qui tutti sappiamo ma il coraggio non lo troviamo mai. E' ora di dire basta. La cosa più deprimente è usare locali per distruggere ragazzi e ragazzini di 12/13 anni e vedere genitori che si annullano per salvare i propri figli. È ora che tutto ciò finisca. Chi sa, perché in molti sappiamo, deve parlare. Più siamo e più forti saremo. Tacere è essere complici dello stesso reato, non di più non di meno. Ribelliamoci, genitori che vogliono salvare e salvaguardare i propri figli>. Si parla di denunce già arrivate agli organi competenti, di situazioni che in molti conoscono ma che però fanno paura tanto da costringere al silenzio, quel silenzio che sta rovinando tanti giovani.