Furto a colpi di piccone nel cuore della notte. È accaduto, intorno alle 4 tra lunedì e martedì, a Madonna della Neve, nel "Bar Cinzia".
La ricostruzione
Un ladro ha usato l'arnese da lavoro come mezzo per intrufolarsi all'interno dell'esercizio commerciale per impossessarsi del possibile: tabacchi, gratta e vinci, contanti. E ha preso di mira anche il cambiamonete. Ha danneggiato la porta d'ingresso in vetro e, una volta dentro, è riuscito a portare con sé circa millecinquecento euro. Davvero una brutta sorpresa a pochi giorni dalle festività natalizie e di fine 2017 per i gestori e i dipendenti del bar che si sono accorti del furto compiuto all'apertura del locale, avvenuta ieri mattina. A questo punto sono state prontamente allertate le forze dell'ordine. La polizia, giunta sul posto, adesso sta svolgendo le necessarie indagini avvalendosi anche del contributo delle registrazioni effettuate dalle telecamere di videosorveglianza. Filmati che potrebbero avere un ruolo molto importante per risalire all'identità del malvivente.
Il modus operandi
Quello utilizzato nella notte tra lunedì e martedì è riconducibile alla tipologia che in gergo viene definita "spaccata", ovvero un furto compiuto spaccando con un corpo pesante una vetrina di un negozio e asportandone il contenuto. In questo caso il vetro della porta d'ingresso del bar non si è completamente distrutto, ma è stato danneggiato. Ora si spera di risalire all'autore del colpo.
Solo nella notte tra sabato e domenica scorsa, si è verificato un episodio simile ai danni di una pizzeria in via Mària: in quel caso, però, il malvivente aveva utilizzato un'automobile, una Fiat Panda, come ariete per entrare all'interno del locale e fare razzia.